Uscite in Campania e regioni limitrofe

Big Steak One

Big Stairs One
7/10/18
15,132
5,242
0
45
Napoli
www.youtube.com
Bike
Ex Giant Dirt-E 2+ - Merida One Sixty 2 - Turbo Kenevo Expert 2020

Vesuvio (NA)​

Terreno Lunare - Paesaggio Infernale​

21.09.2021​


Finalmente il Vesuvio...il Gigante Buono...

@LuigiSeaMan è li che mi aspettava ed io fremevo per cominciare la nostra avventura.

Inizio subito col dire che non è stato facile avvicendarsi tra salite e discese a causa della conformazione del territorio, del terreno... tratti di terreno battuto alternati da sabbia vulcanica che faceva affondare le gomme oltre la spalla dei copertoni fin quasi ai nipples.

Tenendo bene a mente la mia premessa e questa costante, È STATO DIVERTENTISSIMO!!! :sbavon:

Divertente, stimolante e "formativo".
Una continua e piacevole sfida alle nostre capacità che ci regalava continue soddisfazioni.

Drift...Driiiiiift... era quello che ho esclamato più di una volta. Sulle salite la bassa velocità assicurava una relativa presa sul fondo e ci permetteva di sfruttare le nostre doti di equilibrio. VAI VAI VAIIIII urlavo a me stesso e a Luigi:soffriba:

Rocce, gradoni e sopraslivellamenti superati con destrezza ma le discese? Ohhhh le discese....mammamia e che erano?...sembravamo dei centauri sulle motard:smile:
Non da subito ma, man mano che macinavamo km, diventava quasi naturale menarci in curva con la consapevolezza di sbandare e quindi da affontare quasi in controsterzo.
Luigi è davvero un grande. Da pochi mesi in sella ha davvero fegato da vendere, sempre dietro di me, io invece ogni volta che potevo me le cercavo per affinare sempre di più il controllo su questo terreno insidiosissimo...terreno lunare per l'appunto:sbavon:

Alcuni tratti in salita abbiamo dovuto spingere a piedi perchè davvero improponibili da fare in sella nonostante le nostre e-bike. Si affondava con i piedi fino ai malleoli, sabbia e pietrine nelle scarpe che rimuovevamo appena possibile.
Fai che dopo 200mt restavamo senza piedi? (cit.):smile:

Una bellissima esperienza in ottima compagnia immersi in un paesaggio che variava dalla folta foresta al paesaggio spettrale, la cosiddetta "Valle Inferno"...fino a ritrovarci su sentieri formati da una lingua di sabbia di pochi centimetri, esposti in contropendenza e completamente privi di vegetazione. In pratica se in velocità non alleggerivi e sbagliavi a dosare i freni eri kaput giù alla scarpata. Anche questo ha fatto brodo e c'ha permesso di accrescere le nostre abilità...sicuramente quella di non cadere giù:smile:

Alcune soste per ammirare il paesaggio (e per svuotare le scarpe)...
-5929135007497041606_121.jpg
20210921_134727.jpg
20210922_125305.jpg
20210921_134727.jpg
20210921_134548.jpg
-5929135007497041595_121.jpg
... e altre per trovare le linee migliori su come affrontare alcuni ripidi tecnici (e per svuotare le scarpe)...
20210922_124724.jpg
20210922_124528.jpg
Li abbiamo fatti tutti. Uno soltato ho voluto provare da solo perchè Luigi non se la sentiva...e ha fatt buon!:smile:
Quasi a fine giro la stanchezza era abbastanza ma non tanto da impedirci di avanzare e io personalmente ho voluto provare un Bunny Hop per superare un tronco:-?:
Eh, mannaggia...la rincorsa era poca, i pachidermi pesanti (io e la Kenevo) e purtroppo non ci sono riuscito.
Ma che andavo trovando? Di riuscire ad alzare completamente il posteriore nelle condizioni in cui ero? Fantasia:roll::-). Però anche li, didattico e propriocettivo sulla coordinazione.
View attachment 4_5929135007040801467.mp4

Proseguendo la gita alla fine ci siamo ritrovati a fare gli ultimi km sul sentiero di partenza che ovviamente adesso era tutto in discesa e li abbiamo letteralmente goduto.
Terreno compatto, curve paraboliche e dune, dune, tantissime dune. SI VOLAAAAAAA!!!:volo:

Straordinario! Il Crankworx, il Deathfest. . .:smile::smile::smile:

A pochi metri dal parcheggio dove erano le auto, fatti di asfalto/cemento, adocchiamo un canaletto che costeggia la strada, fatta di terra "zappata", come l'ha chiamata Luigi e non contenti di tutto ciò che avevamo fatto finora...e via giù anche li.
Non ci basta mai:sbavon:


Il Vesuvio è affascinante sotto tanti aspetti ed è da ripetere assolutamente, magari con gli stivali :loll:... oppure dopo una giornata di pioggia in modo da trovare il fondo più compatto.

Luigi, a quando la prossima uscita? ;-)

A breve attività Strava e video Relive
 

Attachments

  • 20210922_125456.jpg
    20210922_125456.jpg
    698.2 KB · Views: 10

LuigiSeaMan

Biker novus
7/7/21
18
11
0
39
Napoli
Bike
Haibike Allmnt 3
Fantastica avventura... Perché è stata una vera avventura la nostra! Complimenti per la descrizione davvero impeccabile! Ci siamo divertiti in questa "terra lunare".

Bellissima compagnia, anzi colgo l'occasione per ringraziare Big per gli utili consigli che mi ha dato permettendomi di accrescere le mie conoscenze di questo fantastico mondo.

PS. Era una scheggia in discesa
 

Big Steak One

Big Stairs One
7/10/18
15,132
5,242
0
45
Napoli
www.youtube.com
Bike
Ex Giant Dirt-E 2+ - Merida One Sixty 2 - Turbo Kenevo Expert 2020
Fantastica avventura... Perché è stata una vera avventura la nostra! Complimenti per la descrizione davvero impeccabile! Ci siamo divertiti in questa "terra lunare".

Bellissima compagnia, anzi colgo l'occasione per ringraziare Big per gli utili consigli che mi ha dato permettendomi di accrescere le mie conoscenze di questo fantastico mondo.

PS. Era una scheggia in discesa
Seeeeee una scheggia. Agli occhi tuoi ;-)
 

Burnout111

Biker velocissimus
1/17/20
2,512
1,496
0
32
Lazio
Bike
Graziella 1964

- ODISSEA EPICA -​

Monte Sirino - Lago Laudemio (PZ)​

15.09.2021​

...LA GOLA DEL DIAVOLO...​


“Cosa NON fare quando si è soli in montagna”.

Ciao ragazzi, ho organizzato grazie a Wikilock un giro sul Monte Sirino fino ad arrivare al Lago Laudemio...
View attachment 479317
Partenza dal piazzale del Rifugio Conserva (segnalino verde) per farvi ritorno dopo un giro ad anello di 22km circa percorrendo vari trail immersi nel bosco alternati da tratti di asfalto.
Siamo usciti in auto la mattina presto io e Ari per trascorrere la giornata insieme, quando poi mi sarei assentato solo per un'oretta e mezza, lei sarebbe rimasta a Lagonegro e siccome eravamo su quel versante della montagna sono partito da un parcheggio situato dalla parte opposta dal punto di partenza noto (freccia e cerchio rosso sulla mappa).

Inizio a incamminarmi sulla traccia e dopo pochissimi metri vedo questo!
View attachment 479325
Oh cacchio, la traccia comincia su asfalto ma qui a sinistra c'è scritto chiaro e tondo che ci sono percorsi appositi per MTB che non indicano assolutamente la direzione dell'asfalto.
F...ulo la traccia :smile: ...io vado di quà!
Stupendo. Da subito immerso nel bosco su dei sentieri battuti con tanto di indicazioni ma soprattutto trail trail trail :sbavon:.
Rocce, radici, saliscendi, piccoli salti e...salite, salite e ancora salite.
View attachment 479318
View attachment 479319
View attachment 479323
C'erano ogni tot degli svincoli indicati dai cartelli che andavano verso il basso ma non erano trascorsi neanche 45 minuti e non mi andava di iniziare a scendere anche perchè dalle indicazioni del navigatore, che riportavano il reinserimento sulla traccia, appariva chiaramente che mi sarei ritrovato sulla parte finale ovvero di nuovo al parcheggio.
Oddio...ce ne voleva di strada ma essendo in discesa sarebbe stata comunque troppo breve e avendo Ari ad aspettarmi non è che sarei ripartito di nuovo precludendomi buona parte della "passeggiata".
Quindi continuo a salire fino ad arrivare sulla vetta dell'altopiano del Lago Laudemio, cosa che tra l'altro non era contemplata dal gpx.
View attachment 479320
Il lago si presentava abbastanza ritirato con le coste asciutte, non so perchè non ho fatto delle foto...forse perchè troppo ingolosito dal lanciarmi in fretta e furia verso il centro scendendo e saltando le varie dunette...e che è? À Dark Fest? :smile: :smile: :smile:
Faccio il giro del lago fino al lato opposto ritrovandomi su una delle piste da sci ormai dismesse da tempo e buttando sempre lo sguardo su ciò che mi circondava vedo dei sentieri non battuti ai lati. Sentieri di servizio dismessi? Boh? Andiamo a vedere.
Da qui, che ha proprio l'aspetto di un canale formatosi nel tempo dalle acque, riesco a ritornare al punto iniziale del lago.
Ecco...qui, adesso non ricordo bene se ero di nuovo sulla traccia ma iniziava certamente l'asfalto che mi avrebbe riportato al parcheggio, era palese.
Allora che faccio? Asfalto o ritornare da dove ero venuto e prendere uno di quegli svincoli segnati MTB?
Ovvio! Faccio la seconda scelta :-).
Durante le varie discese continuo (come da sempre) ad essere attratto dai fuori percorso ma che ho fatto solo un paio di volte in compagnia di chi conosceva a menadito il posto. Il Valhalla di Solopaca oppure a S.Stefano del Sole quando in inverno era ricoperto di neve ad esempio.
Sta di fatto che mi sono deciso, sono uscito dalla traccia e mi sò fatto la foresta Wild perchè forte del navigatore cartografico e del mio orologio sapevo che non mi sarei potuto perdere.

Un'odissea!​


Il fuori traccia si è trasformato in poco tempo in un Extrawild!!!:!:
Per seguire la direzione che mi avrebbe riportato sull'asfatlo mi sono ritrovaro su pendii al limite dell'equilibrio, non in bici ma A PIEDI ed impossibili da fare in sella...ma non ho avuto paura e ho proceduto con molta cautela nell'avanzamento verso la meta.

Devo dire in tutta sincerità che non avevo paura ma ero preoccupato che se mi fosse successo qualcosa nessuno mi avrebbe ritrovato.
Nessun segnale internet nè linea telefonica, solo il segnale satellitare del gps ma comunque impossibilitato a condividerlo e cime degli alberi che a stento filtravano la luce (pensavo...elicottero? Sticà), pendenze e distanze che nessuna gru avrebbe potuto calare una fune per caricarmi, si ma poi dove avrebbe potuto posizionarsi? Ormai ero addentrato sul fianco della montagna più di orso che si avvinghia con gli artigli agli alberi per non scivolare. Lui se la sarebbe cavata comunque, io...avevo 25kg di zavorra e sono senza artigli, mi ero anche tagliato le unghia il giorno prima:roll:(ridiamo và).

Molto, molto, molto preoccupato per me stesso ma ancor di più per Ari che era ai piedi della montagna ad aspettarmi.

Un giro che sarebbe dovuto durare poco più di un'ora (22km circa x 1061D+) è diventato dopo un'ora e mezza un dimensione avventura sfidando la potenza della montagna.

Come ho accennato non posso dire che mi stavo perdendo perchè tra garmin e orologio combinato al satellitare dello smartphone la direzione per uscire dal bosco ce l'avevo ma ragazzi dire che sapevo al 100% di riuscirne indenne... ... eh beh, non dico che ogni tanto mi assaliva il terrore (cosa credete? sono anch'io alle volte un essere umano con le proprie fragilità) di non venirne a capo ... ma quasi.

Dopo tanto peregrinare continuamente aggrappato agli alberi, alle rocce, cercando in tutti i modi di non scivolare sulle foglie, smosse che ricoprivano il terreno, sempre con la mia zavorra da 25kg, a un certo punto ho creduto di esser salvo quando ho adocchiato in lontananza una gola dove c'era il letto di un torrente in secca.
D'altro canto solo lì potevo andare perchè era impossibile tentare la risalita da dove ero sceso e, sempre col navigatore che indicava la direzione, mi sò menato sapendo che sarei arrivato a valle con ... la consapevolezza che non sarebbe stato facile.
E se la strada fosse stata sbarrata da una frana?
E se il flusso del fiume ha accumulato detriti creando una diga invalicabile?
E se...e se...e se...mille interrogativi!
Non conoscevo il territorio...

Mi infilo nella gola:paur:.

Una situazione pericolosa come mai mi era successa con la bici a seguito, nessuno avrebbe potuto salvarmi se non me e me stesso, la mia tenacia, il mio spirito, la mia forza d'animo, il mio coraggio, il non arrendermi mai alle avversità, trovare sempre una soluzione ai problemi e spingermi oltre i miei limiti.
Però ho anche detto prima in parentesi e lo ripeto: sono anch'io alle volte un essere umano con le proprie fragilità
View attachment 479321
View attachment 479322
Questo è solo uno dei primi punti estremamente difficile da superare... ce ne sono stati tanti ma tanti, tanti altri e siccome la faccenda era diventata davvero extrawild ho tolto i guanti per avere più presa sulle rocce, tolto gli auricolari e messo il telefono nello zaino, ho tolto il sottocasco, stretto lo zainetto in vita e in petto, fisso le ginocchiere ancora più strette e stringo ancor di più anche il casco...che preciso di non aver mai tolto.

Macigni, strapiombi(ni), roccione smosse, alberi a formare reti invalicabili, ecc ecc, con bici a seguito.... in più, Madonna Santa...c'erano evidenti tracce biologiche. Feci! Ogni 100-200 metri circa, non so, feci che non avevo mai visto di una 20-30ina di centimetri di diametro. Ho pensato: Queste saranno di orso...sono morto! Povera Ari, povera mia figlia... Non vi racconto cosa mi passava per la testa :-(.

Dopo ore che lottavo per la mia vita (sia ben chiaro!...la bici non l'avrei MAI ABBANDONATA! Avrei fatto di tutto per uscirne con lei!) finalmente la pendenza inizia a diminuire, almeno quella, e man mano che avanzavo anche le difficoltà parevano diminuire fino a trovarmi quasi fuori dalla gola. Faccio una pausa, prendo lo smartphone e c'è segnale!!! Decine di messaggi di Ari in preda al panico dove era quasi pronta a chiamare i soccorsi. La chiamo, le accenno qualcosa, la tranquillizzo e mi scuso chiedendole perdono per l'apprensione che le ho dato. Ci salutiamo con la promessa che l'avrei ricontattata appena fosse stato possibile.
A quel punto decido di lasciare la bici per esplorare più facilmente e velocemente la via migliore da seguire...non so, ho avuto in quel preciso istante una sensazione che non saprei spiegare. Come se visualizzassi l'uscita a breve dal mio calvario...e così è stato. C'era acqua nel letto del torrente in secca che risultava alimentato da una tubazione gigante proveniente da, credo, una centrale idroelettrica.
Ho pensato: sono salvo!
Ho proseguito a piedi per un centinaio di metri fino a quando la gola man mano di allargava fino a ritrovarmi sotto un ponte...CON STRADA ASFALTATA SOVRASTANTE. La freccetta del navigatore combaciava con la presenza di una strada statale.
Ripeto...ero salvo!!!
Torno a prendere la bici e poco prima di arrivare al ponte mi sono tenuto sulla destra fino ad arrivare sulla strada.

Ho giurato a me stesso che non avrei mai più esplorato i boschi uscendo dalle tracce...mai più! Con la bici intendo. Poi lasciamo stare che a piedi fai quel che vuoi ma con la bici... esplorare e non poter più tornare indietro...:roll: mai più!

Finalmente ho potuto togliermi il casco ed abbracciare per credo un quarto d'ora Ari che era molto scossa. . .
Ne sono uscito vittorioso!!!!
Sono salvo e vittorioso!!!!
View attachment 479324


grande Big...racconto appassionante :rock-it:
tutto bene qual che finisce bene ;)
 
Last edited:
  • Like
Reactions: Big Steak One

Koroviev

Il Re dei Troll / Il Signore delle forcelle
8/25/17
13,787
8,343
0
Krukkolandia
Bike
Trollbike senza ruote

Vesuvio (NA)​

Terreno Lunare - Paesaggio Infernale​

21.09.2021​


Finalmente il Vesuvio...il Gigante Buono...

@LuigiSeaMan è li che mi aspettava ed io fremevo per cominciare la nostra avventura.

Inizio subito col dire che non è stato facile avvicendarsi tra salite e discese a causa della conformazione del territorio, del terreno... tratti di terreno battuto alternati da sabbia vulcanica che faceva affondare le gomme oltre la spalla dei copertoni fin quasi ai nipples.

Tenendo bene a mente la mia premessa e questa costante, È STATO DIVERTENTISSIMO!!! :sbavon:

Divertente, stimolante e "formativo".
Una continua e piacevole sfida alle nostre capacità che ci regalava continue soddisfazioni.

Drift...Driiiiiift... era quello che ho esclamato più di una volta. Sulle salite la bassa velocità assicurava una relativa presa sul fondo e ci permetteva di sfruttare le nostre doti di equilibrio. VAI VAI VAIIIII urlavo a me stesso e a Luigi:soffriba:

Rocce, gradoni e sopraslivellamenti superati con destrezza ma le discese? Ohhhh le discese....mammamia e che erano?...sembravamo dei centauri sulle motard:smile:
Non da subito ma, man mano che macinavamo km, diventava quasi naturale menarci in curva con la consapevolezza di sbandare e quindi da affontare quasi in controsterzo.
Luigi è davvero un grande. Da pochi mesi in sella ha davvero fegato da vendere, sempre dietro di me, io invece ogni volta che potevo me le cercavo per affinare sempre di più il controllo su questo terreno insidiosissimo...terreno lunare per l'appunto:sbavon:

Alcuni tratti in salita abbiamo dovuto spingere a piedi perchè davvero improponibili da fare in sella nonostante le nostre e-bike. Si affondava con i piedi fino ai malleoli, sabbia e pietrine nelle scarpe che rimuovevamo appena possibile.
Fai che dopo 200mt restavamo senza piedi? (cit.):smile:

Una bellissima esperienza in ottima compagnia immersi in un paesaggio che variava dalla folta foresta al paesaggio spettrale, la cosiddetta "Valle Inferno"...fino a ritrovarci su sentieri formati da una lingua di sabbia di pochi centimetri, esposti in contropendenza e completamente privi di vegetazione. In pratica se in velocità non alleggerivi e sbagliavi a dosare i freni eri kaput giù alla scarpata. Anche questo ha fatto brodo e c'ha permesso di accrescere le nostre abilità...sicuramente quella di non cadere giù:smile:

Alcune soste per ammirare il paesaggio (e per svuotare le scarpe)...
View attachment 480645
View attachment 480647
View attachment 480649
View attachment 480647
View attachment 480646
View attachment 480651
... e altre per trovare le linee migliori su come affrontare alcuni ripidi tecnici (e per svuotare le scarpe)...
View attachment 480653
View attachment 480652
Li abbiamo fatti tutti. Uno soltato ho voluto provare da solo perchè Luigi non se la sentiva...e ha fatt buon!:smile:
Quasi a fine giro la stanchezza era abbastanza ma non tanto da impedirci di avanzare e io personalmente ho voluto provare un Bunny Hop per superare un tronco:-?:
Eh, mannaggia...la rincorsa era poca, i pachidermi pesanti (io e la Kenevo) e purtroppo non ci sono riuscito.
Ma che andavo trovando? Di riuscire ad alzare completamente il posteriore nelle condizioni in cui ero? Fantasia:roll::-). Però anche li, didattico e propriocettivo sulla coordinazione.
View attachment 480655

Proseguendo la gita alla fine ci siamo ritrovati a fare gli ultimi km sul sentiero di partenza che ovviamente adesso era tutto in discesa e li abbiamo letteralmente goduto.
Terreno compatto, curve paraboliche e dune, dune, tantissime dune. SI VOLAAAAAAA!!!:volo:

Straordinario! Il Crankworx, il Deathfest. . .:smile::smile::smile:

A pochi metri dal parcheggio dove erano le auto, fatti di asfalto/cemento, adocchiamo un canaletto che costeggia la strada, fatta di terra "zappata", come l'ha chiamata Luigi e non contenti di tutto ciò che avevamo fatto finora...e via giù anche li.
Non ci basta mai:sbavon:


Il Vesuvio è affascinante sotto tanti aspetti ed è da ripetere assolutamente, magari con gli stivali :loll:... oppure dopo una giornata di pioggia in modo da trovare il fondo più compatto.

Luigi, a quando la prossima uscita? ;-)

A breve attività Strava e video Relive

Bravissimo, anzi bravissimi :-?:
Il video mi ha entusiasmato più del racconto :yeah!:
 

Big Steak One

Big Stairs One
7/10/18
15,132
5,242
0
45
Napoli
www.youtube.com
Bike
Ex Giant Dirt-E 2+ - Merida One Sixty 2 - Turbo Kenevo Expert 2020

Wild Taburno 04.12.2021​

Mega giro sul Monte Taburno con due locals davvero tosti. È il loro "giretto" settimanale di oltre 1500d+ su 31km circa nella natura incontaminata quando non vogliono strafare...e meno male :pirletto:

 

Big Steak One

Big Stairs One
7/10/18
15,132
5,242
0
45
Napoli
www.youtube.com
Bike
Ex Giant Dirt-E 2+ - Merida One Sixty 2 - Turbo Kenevo Expert 2020

Droppaccio Malefico​

Castle Trail - 07.12.2021​

Salve ragazzi, stamattina mi sono svegliato con una bella parlantina. Inizierò il mio post con qualche considerazione e infine allegherò due video. Se vi va comunque di leggere mi farebbe piacere.

Vai in bici...inizi a pedalare una MTB, sai che ti piace e che vuoi sempre di più. Impari a scendere, a mollare i freni, a curvare sulle sponde.
Poi ci sono le discese impestate di radici, rocce, scogli e gradoni.
Saltini, salti, droppini e...

...I DROP MALEFICI!!!​

Malefici per vari aspetti.
Alti innanzitutto, su quelli non discuto ma poi ci sono quelli infidi, malefici appunto, con landing breve, in curva, con alberi a due passi ed esposto. Cioè non solo se atterri male cadi, ma finisci giù per il fianco della collina/monte...giù!

Su ogni cosa il primo pensiero è: ma chi? meglio riportare a casa la pellaccia!
Ostacoli che sembrano insormontabili ed evitati per sicurezza ma principalmente per paura.
A un certo punto scatta quella molla che ti spinge ad andare oltre, memore anche dell'esperienza accumulata man mano, sopraggiunge il solito ricordo di quando si è passati ad un livello successivo...
Intendo quando finalmente decidi di andare oltre e lo fai.
Sapete qual'è il ricordo?
Sapete cosa dico sempre quando ho potuto constatare personalmente?
La frase "simbolo" del superamento?

- Uà...e chest'è?!? (trad. è stato semplicissimo!!!)​

Ecco, così è stato per quel droppaccio malefico che da sempre ho evitato.

Sono tre anni che ho iniziato da zero ad andare in MTB sono stato solo sei volte al Castle Trail in tutto questo tempo e ogni volta, grazie anche ad aver girato abbastanza un pò ovunque, passavo al livello successivo sull'affrontare i suoi trail.
Ormai non mi mancava più nulla, tranne quel droppaccio...fino all'ultima volta che ci sono stato.

In genere quando si è in compagnia si va sempre a bomba e difficilmente ci si ferma per insegnare all'ultimo del gruppo come anche, io personalmente, mai mi sognerei di fermare il gruppo accanito per chiedere di darmi il tempo di imparare un passaggio... Si sceglie la via più facile e via ad inseguire.

Ebbene quel giorno eravamo solo io e Luciano (grande Amico e Chirurgo) e già mentre salivamo gli avevo parlato dell'ultimo scoglio insormontabile per me da superare.
Lui, di grande esperienza, non c'ha pensato minimamente due volte.
- Stamattina te lo faccio fare!

...e così è stato.

Breve video "studio" del Droppaccio Malefico e a seguire il congiungimento dei due trail dove c'è la sua presenza superato in scioltezza.
Buona visione.
 

Ultimi itinerari e allenamenti

  • Col Prial - Valle del Lys
    Sun, 25 Sep 2022 22:34:41 CEST
    [Routes] Italia - Valle d'Aosta, AO 18,44 km +1 320 mt Da Borney 1017 m si sale per bella st ...
  • Giro pomeridiano
    Sun, 25 Sep 2022 19:39:29 CEST
    [Training] 96,71 km +404 mt 03:08:10 ...
  • Bel giretto domenicale
    Sun, 25 Sep 2022 19:02:27 CEST
    [Training] 23,98 km +433 mt 01:33:45 ...
  • Bel giretto domenicale
    Sun, 25 Sep 2022 19:02:27 CEST
    [Training] 23,98 km +433 mt 01:33:45 ...
  • Dosso della sessa
    Sun, 25 Sep 2022 18:42:33 CEST
    [Training] 25,67 km +1 195 mt 02:37:11 ...