TechTest Formula Cura

scr1

Biker nirvanensus
7/16/07
25,071
2
3,422
0
Fiorentino ai 100%
Bike
Scott Spark910, Canyon Lux CF 9.0, Scott spark RC900 pro XTR12V
Ciao a tutti. Dopo molto tempo di latitanza, sollecitato anche da molti forumendoli, ho deciso di testare un set di freni Formula CURA, il nuovo freno a olio minerale della omonima ditta Italiana. Parlando con gli addetti , mi hanno detto che il freno è stato progettato per non avere problemi e frenare in tutte le condizioni, sia XC AM e volendo anche in DH (DH per biker con peso non esagerato).

Ma prima di montarli sulla bici, vediamo cosa abbiamo sotto il cofano.

Partendo dalla pinza, come potete osservare, è stata realizzata in due metà bloccate con due viti speciali in acciaio,

1569879035169.png

per avere una rigidità massima, il forged è stato rinforzato e utilizza pistoni cilindrici in materiale sintetico da ben 24 mm. Gli inserti che vengono consegnati con il Kit , sono organici, ma si possono avere le semimetal e le sintered, adatte per chi vuole scendere e frenare con potenze esagerate.

1569879108744.png

La parte del perno di bloccaggio si avvita sempre alla pinza vicino alla testa, ma invece che un anello ad espansione montato sul perno stesso , viene adottato adesso un piccolo seeger che assicura ogni qualsiasi tipo di perdita per svitamento del perno stesso.

1569879242555.png

1569880811296.png


L'offset è stato maggiorato , l'intaglio di passaggio disco è passato dai 3 mm dell'R1 a 4 mm, e come potete osservare, in un punto si allarga per far penetrare aria facilitando il raffreddamento.

1569879293460.png


Gli inserti sono esattamente uguali a quelli degli altri freni formula , tipo T1 R1 RX etc, dunque anche chi avesse voglia di cambiare set , e possiede del materiale a stock , può stare tranquillo che non lo sprecherà. La vite di spurgo è prodotta CNC, mentre il pin di bloccaggio inserti sembra stampato.
Una implementazione secondo me molto interessante, riguarda lo SPEED LOCK, un sistema studiato da Formula, per disinserire il tubo e facilitare, sia la manutenzione, sia il passaggio dei cavi nei telai con routing interno.


1569879365884.png


Naturalmente staccare il tubo e prendere in mano la pinza diventa un gioco da ragazzi, anche solamente per pulirla e cambiare gli inserti. Formula ha brevettato un sistema che non permette allo SL, di azionarsi accidentalmente e non permette all'olio assolutamente di uscire ne dalla parte pompa , anche se la leva viene premuta accidentalmente ne assolutamente dalla parte della pinza. Una molla toroidale, assicura il bloccaggio del sistema, e rimuovendola/spostandola semplicemente da una gola ad un'altra possiamo decidere appunto di staccare la tubazione.



Una volta spostata nella gola più esterna il tubo si stacca con facilità:



1569879545123.png

1569879665561.png

1569879692081.png


Ultima e non trascurabile, il CURA lavora ad olio minerale, Formula ci ha studiato sopra molto tempo, ed ha messo a punto un olio, che riesce ad arrivare alle caratteristiche quasi del DOT, lavorando fino a temperature di 20 gradi sotto lo zero.
Il liquido è molto chiaro, sembra acqua, ha un alto punto di ebollizione, e rende la leva alla pressione molto docile e consistente.

1569879742530.png

1569879769597.png


La pompa, invece è stata modificata rispetto sia alla versione R1 RC1, che T1 RX, ed anche rispetto alla versione C1, che aveva una cartuccia indipendente. La parte del pompante è assiale ed è stata ricavata nel corpo leva parallelamente alla piega sterzo, usando un normale pistone che pompa olio, senza particolari passaggi.




1569880456170.png



Come potete osservare, la viteria è prodotta tutta CNC, mentre la regolazione della distanza della leva dalla manopola , richiede una piccola chiave da 2,5 mm. La leva è una Two Finghers molto ampia e rispetto alla versione RC1 è più protuberante verso l'esterno della manopola, Una volta regolata ed inclinata a piacere è abbastanza facile trovare il giusto feeling. Si addatta meglio della versione R1 al comando Shimano


1569880170818.png


Infine il serbatoio dell'olio è immediatamente adiacente alla pompa stessa e facilmente riempibile e spurgabile a mezzo della specifica vite.


1569880116575.png


Il collare di ancoraggio è stato inspessito rispetto alla versione RC1, nato per essere superleggero, ed anche la viteria è aumentata da 3 a 4 MA, dunque un freno che non guarda il peso ma la funzionalità.
Infine anche la tubazione è stata modificata, in un tubo flessibile nero opaco molto accattivante, adatto ai telai di ultima generazione in carbonio matte finish, flessibile anche per i passaggi interni sempre difficoltosi


1569880046432.png



MONTATI:

1569880608431.png


1569880634347.png


1569880659570.png


1569880685119.png


TEST DINAMICI

Premetto che dopo il montaggio ho effettuato il Burn In correttamente , facendo o cercando di fare adattare le pastiglie nuove ai miei rotori, con un po di km sulle spalle, in modo di arrivare alla prima discesa avendo un feeling abbastanza reale.

Il test inizia il giorno 18 dicembre 2016, temperatura esterna -5 gradi centigradi , umidità dell'aria intorno al 70%, tempo ottimo soleggiato, velato nella parte della pianura. Ci rechiamo verso il lago di Legri, siamo in pianura, dopo il lago la strada inizia a salire fino a quota circa 600 Mt . Da qui si scende per circa 4 km verso Paterno attraversando Cerreto Maggio. Arrivato in cima alla salita ero abbastanza emozionato, non vedevo l'ora di buttarmi per sentire la risposta dei freni Cura.

Mi sono fermato all'apice , ho ricontrollato tramite chiave a brugola tutto il serraggio delle viti aperto la mia Formula 35 , liberato l'ammortizzatore posteriore, ed ho iniziato a scendere. In un primo momento non ho sentito molta differenza dagli R1, ma sapevo che il freno sarebbe migliorato, per l’adattamento definitivo degli inserti.

Ed in effetti a metà della discesa, la potenza frenante è diventata superlativa, con un solo dito, io solitamente ne uso due, e senza nessun tipo di sforzo il mezzo rallenta prepotentemente senza nessuna affaticamento della mano/i.

Arriviamo in fondo alla discesa, ancora gli inserti non sono propriamente al 100%, saliamo dalla parte di Paterno sulla salita del Tedesco Morto , sbuchiamo a Morello e andiamo a quota 800, dove ci aspetta una discesa molto intensa.

Il test che volevo fare era per capire se a freni sempre azionati , ci sono punte al 30 %, la leva guadagnasse corsa.

Inizia la discesa, abbiamo percorso già 35 km, ora le pasticche dovrebbero essere a posto. Parto a tutta , per quello che si può fare in un erta del genere, sassi smossi e terreno composto da erba rovi lateralmente, pavimentato da ciottoli e lastre di pietra. L'aderenza è scarsa , occorre tenere le mani sui freni e usarli molto spesso , se non continuamente. Non vi nego che con quella configurazione di pompante, avevo il terrore che la leva mi allungasse , guadagnasse corsa, ma non è stato così.

Il freno ha mantenuto la potenza frenante fino in fondo , senza ne guadagnare ne inginocchiarsi ne incrudire, mai. L'uso è sempre stato con un solo dito, tanto per far capire quanto il freno sia potente, la modulazione sempre ottima e controllabile.

Arrivati in fondo, siamo andati a Fonte del Ciliegio e da li altra discesa di circa 3,5 km, però con inclinazione più blanda, diciamo ad alta velocità.
Li il cura si è definitivamente assestato, cambiando ancora aspetto e davvero mostrando una elevata potenza frenante.

IN DEFINITIVA

Rispetto alla versione R1, ad olio DOT, il cura ha uno "Squishy Feel" diverso, mentre la versione R1 frena brutalmente con una forza sulla leva diciamo a due dita, il Cura ha un comportamento più docile, si usa un solo dito e sembra che non vada mai in crisi, la leva non indurisce e non guadagna. Questo potrebbe dipendere anche dalla tubazione che nella versione R1 è forse più rigida, mentre sul Cura è stata adottata una tubazione più flessibile, che con il pistone da 24 mm rende il freno più modulabile e meno repentino.

Potenza in frenata

Innegabilmente, i 2 pistoni da 24mm si fanno sentire, la frenata è potente e la si ottiene con una bassa pressione della leva.

Corsa della leva a vuoto ad incontro del punto frenante:

sia nella versione R1 che nella versione Cura, molto simile sempre pronta e corsa sufficientemente ridotta, roll back molto stabile.

Regolazione della distanza della leva dalla manopola:

Sarebbe interessante poterla regolare durante la pedalata, perché in effetti il Cura essendo un freno con corsa ridotta, abbisogna di un feeling dita manopola che va comunque deciso dopo un certo numero di ore, io purtroppo non avevo portato la chiave dietro, ma sono convinto che ci sarà una versione con questa possibilità.

Distorsione del disco e spostamento degli inserti dopo un lungo uso del freno:

Non ho riscontrato nessuna distorsione del disco, (io uso la versione con spider in alluminio collegata alla parte in acciaio con speciale rivettatura che permette la dilatazione senza apparenti giochi), ne spostamenti anomali dei due pistoni, spesso dopo una lunga discesa con carico elevato i dischi tendono a sfregare sulle pasticche, per poi ritornare normali dopo un periodo di raffreddamento.

Morbidezza della leva:

La morbidezza della leva in azionamento è più che buona, non come gli Shimano, li fanno scuola a tutti, ma è anche vero che la corsa a vuoto dei Cura è ridottissima rispetto a quella della Shimano, dunque anche meno comparabile con il freno Shimano che percorre molta più strada per arrivare al punto di attacco

Si è concluso così il mio primo test, ma vi aggiornerò nei prossimi giorni dovessero esserci variazioni di ogni sorta, sia in positivo che in negativo.
Un saluto a tutti
SCR1

PS:
La Formula consegna i freni con questi due distanziatori:

1569880726579.png

A chi pensa che fungano come sicurezze anti schiacciamento della leva, dico che non è così.
L'oggetto è propriamente un tool che serve si come sicurezza , ma anche per riallineare/ricentrare i pistoni all'intaglio del caliper e a inserto nuovo, rimontare velocemente la pinza solamente con centraggio al disco visivo, in maniera da ridurre i tempi di set up. I pistoni verranno equidistanziati e si muoveranno verso il disco in maniera uguale
 

Attachments

  • 1569879433227.png
    1569879433227.png
    1.8 MB · Views: 15
  • 1569879506016.png
    1569879506016.png
    1.7 MB · Views: 17
  • 1569879862669.png
    1569879862669.png
    1.2 MB · Views: 22
  • 1569879918334.png
    1569879918334.png
    1.7 MB · Views: 24
Last edited:

federfana

Biker serius
10/19/18
182
73
0
31
Alcamo
Bike
Canyon Spectral 29
Certo che è un problema. Avrai le pastiglie che toccano sulle razze del disco. Potrebbero innescarsi delle vibrazioni.
Effettivamente le vibrazioni un po’ le sento quando freno che vado piano... però le ho notate solo adesso con i formula cura (immagino perché siano ancora in fase di rodaggio), prima con i vecchi sram no, anche con quelli avevo il disco da 203 con l’adattatore da 200...
Basta mettere una rondella, perlomeno io ho fatto cosi quando ho messo dischi da 203 anziché 200 e va perfettamente.
View attachment 439963
Magari per stare più sicuro farò così
Grazie mille
 
  • Like
Reactions: Marklenders

YesOne98

Biker popularis
10/9/15
62
8
0
scusate la banalità della domanda, ma sono in procinto di acquistare questi freni e non avendo mai montato da zero un paio vi chiedo:

essendo pre-assemblato l'impianto, e avendo il sistema speedlock, c'è necessità di spurgare i freni al primo montaggio? o posso fare a meno di prendere il kit spurgo per il momento?
 

 

federic000

biker lentissimus
6/17/20
571
301
0
roma
Bike
procaliber
lo speedlock non è montato di default di norma, sei sicuro? io li ho montati, previa accorciatura dei cavi, lo spurgo non l'ho fatto e funzionano bene da 300 km circa
 
  • Like
Reactions: ymarti

Andrea321

Biker poeticus
10/1/07
3,609
520
0
Cesena
Bike
Santa Cruz Hightower 29
scusate la banalità della domanda, ma sono in procinto di acquistare questi freni e non avendo mai montato da zero un paio vi chiedo:

essendo pre-assemblato l'impianto, e avendo il sistema speedlock, c'è necessità di spurgare i freni al primo montaggio? o posso fare a meno di prendere il kit spurgo per il momento?
inizialmente ogni freno era dotato di speedlock mentre quelli commercializzati recentemente mi pare non l'abbiano più di serie quindi informati bene prima dell'acquisto. Secondo me il kit di spurgo serve per forza perchè comunque il tubo lo dovrai tagliare a misura (sia che ci sia o no lo speedlock) quindi sarà necessario fare uno spurgo (o almeno stando alla mia esperienza, pur prestando grande attenzione durante il taglio, non sono mai riuscito ad evitare il successivo spurgo). Inoltre, se non sbaglio, lo speedlock è solo dal lato pinza e dal lato pompa c'è una normale ogiva da schiacciare dopo aver accorciato il tubo a misura.
 
Last edited:

YesOne98

Biker popularis
10/9/15
62
8
0
perchè comunque il tubo lo dovrai tagliare a misura
ma tra l'altro a proposito di questo mi è venuto un dubbio:
avendo i passaggi interni nel telaio, i cavi vanno comunque tagliati a misura o posso semplicemente lasciare nascosta dentro il telaio l'eccedenza di cavo? tanto non credo si parli di 20cm in più :mrgreen:

metodo forse molto grossolano ma proprio per evitare il più possibile la noia dello spurgo visto che il venditore da cui acquisto i freni non ha disponibile né il kit spurgo né l'olio
 

Andrea321

Biker poeticus
10/1/07
3,609
520
0
Cesena
Bike
Santa Cruz Hightower 29
ma tra l'altro a proposito di questo mi è venuto un dubbio:
avendo i passaggi interni nel telaio, i cavi vanno comunque tagliati a misura o posso semplicemente lasciare nascosta dentro il telaio l'eccedenza di cavo? tanto non credo si parli di 20cm in più :mrgreen:

metodo forse molto grossolano ma proprio per evitare il più possibile la noia dello spurgo visto che il venditore da cui acquisto i freni non ha disponibile né il kit spurgo né l'olio
il cavo dei tubi freno è bello rigido e non credo si riesca in alcun modo a nascondere dentro ai passaggi interni al telaio anche solo 5 o 10cm di eccedenza. In base al percorso del tubo potrai forse fargli fare delle curve un pò più larghe per compensare qualche cm di abbondanza ma, per la mia esperienza, il taglio a misura è sempre stato necessario sia per l'anteriore quanto per il posteriore.
 

federic000

biker lentissimus
6/17/20
571
301
0
roma
Bike
procaliber
il mio non ha lo speedlock ne sono certo, ripeto io li ho accorciati entrambi perché in origine erano 175 cm entrambi...lo spurgo si penso che gli farebbe bene ma per ora che non ho il kit li tengo così, ho solo l'olio, poi preso un kit da amzon e non andava bene insomma per ora ho solo preso quei simpatici tool che si mettono a cavallo del disco e servono a centrare la pinza, eccellente!
 

alemar67

Biker popularis
5/15/15
61
17
0
Bike
canyon cf 5.9
Devi usare quelli specifici di Formula
View attachment 415376
Buongiorno ho una canyon del 2015 (mod.grand canyon cf 5.9) montata con i C1 e avevo deciso dopo onorato servizio di sostituirli, vi chiedo se i tubi sono gli stessi e quindi sostituire solo pompanti e pinze e come dischi ho davanti 180 con adattatore(PM 6" to F180) e dietro 160 ma vorrei mettere il 180 anche dietro e relativo adattatore ed eventualmente quale mod.dovrei acquistare (allego foto).Vi ringrazio per l'attenzione datami, in attesa saluti
 

Attachments

  • IMG_9026.jpg
    IMG_9026.jpg
    443 KB · Views: 13

alemar67

Biker popularis
5/15/15
61
17
0
Bike
canyon cf 5.9
i C1 vanno a DOT4, i cura a olio minerale penso che non sia cosa buona usare lo stesso tubo
grazie della risposta, invece a riguardo dell'adattatore per montare 180 al posteriore sapreste dirmi il codice giusto e se avete link consigliati x acquistare il tutto
 

Pietro.68

...estiqaatsi...
9/14/10
12,380
5,215
0
nel medio Brenta
mercatino.mtb-mag.com
Bike
due...
ho messo dischi ashima ARO-09 160mm davanti ma secondo me hanno una pista troppo stretta per il cura, che dite? cura con pastiglie organiche originali.

http://www.ashima.com.tw/products_detail.php?Key=10

non l'ho ancora rodato a fondo ma la forcella vibra in frenata intensa. il posteriore ok.
usare quei dischi con freni come i cura è come fermare una portacontainer con l'ancora del gommone...