Epic Trail MTB School La posizione base in MTB

Maiella

Biker Maiellensis
2/3/15
938
771
0
39
Maiella/Abruzzo
Bike
Black Forest Pro/Whistler Pro by Focus
Molto interessante @steve-U , io sicuramente non ho una posizione corretta (in toto), per esempio spesso soffro di eccessivi sforzi ai quadricipiti perche non tengo praticamente mai le gambe distese ( e pure i talloni bassi^^'), ma mi sorge un dubbio: guidando prevalentemente front da enduro/trail, sono "residuali" le occasioni di avere le gambe distese, per supplire alla mancanza dell'ammortizzatore, se tenessi le gambe distese rischierei di avere la schiena a pezzi dopo poco. Sbaglio?
Seguo con interesse il quesito posto da @Nekro .
 
  • Like
Reactions: Nekro
Ciao ragazzi, faccio una piccola precisazione sul video (:
in molti mi avete chiesto delle gambe distese, questa vuole essere una posizione di partenza o di arrivo.
Se noi assumessimo sempre una posizione a gambe flesse, in isometria, non le faremmo mai riposare. Mentre, andare a ricercare (quando possibile) una posizione un pò più rilassata ci permetterà di recuperare energie e di far riposare le gambe senza doverci fermare (oltre che far lavorare gli ammo, le caviglie ecc)
Osservate il video di una gara da XC, vedrete che prediligeranno una posizione a gambe distese, voi mi direte "si ma hanno la sella alta", è vero, ma e chi usa il telescopico? perchè mantiene comunque quella posizione? e si che loro (la maggior parte) sono pure senza ammortizzatore posteriore...ecco quella posizione gli serve proprio per poter arrivare a fine gara con un briciolo di energie, per altro andate ad osservare quanto fanno lavorare le caviglie!
Chiaramente, nel momento in cui arriverà una pietraia o qualunque altro ostacolo andremo a muoverci (fletterci) di conseguenza, senza però andare a scaricare la ruota anteriore.
Quindi la posizione raccontata in video non dovrò assolutamente essere mantenuta staticamente o perennemente, come qualcuno fa giustamente notare "se tenessi le gambe distese rischierei di avere la schiena a pezzi dopo poco." ma sarà un punto o di partenza o di arrivo.
Quello che mi piaceva trasmettervi era un concetto di posizione base corretta, da cui poi partiranno tutti i i nostri movimenti, se affrontassimo una discesa asfalta potrei anche dirvi di mantenerla perenne (o di sedervi su una sella comoda :loll: ) ma siccome affrontiamo sentieri, dovremmo essere sempre estremamente attivi come guida, quindi andare a fare costantemente micro movimenti.

Non andiamo a lavorare solo di gambe e soprattutto non facciamolo se non è necessario, non trascuriamo il peso all'anteriore, sarà importante avere grip.

Alcuni esempi (oh finalmente una ragazza :P ):
- ne ha di spazio dalla sella, eppure osservate bene la posizione, gomiti larghi e flessi, sguardo avanti, gambe allungate, caviglie che lavorano. Sicuramente il frame successivo avrà avuto le gambe più flesse, per assecondare l'ostacolo (tronco) che sta per impattare sulla ruota posteriore.
Schermata 2021-03-12 alle 08.45.44.png

- ora prendo uno scarso, Aaron Gwing ( giusto una 30ina di anni fa, mia mamma voleva chiamarmi Aaron, poi però ha optato per Stefano):
qui sicuramente starà andando a fucile (perchè non sa andare piano :loll: ).
Osservate come predilige una posizione a busto "quasi parallelo" al terreno, osservate come non toglie peso all'anteriore, poi gomiti flessi, sguardo avanti e gambe flesse (senza però andare a verticalizzare il busto). Ecco, nel momento in cui andiamo ad aumentare la nostra velocità allora si che ci abbassiamo sulla MTB, quindi baricentro più basso ed assumiamo una posizione più aerodinamica, ma attenzione, non vado a scaricare l'anteriore, come vi mostro al minuto 11:05, lavoriamo si di gambe ma senza trascurare le braccia, altrimenti ci ritroveremo in una posizione più seduta, che ci farà affaticare inutilmente le gambe e ci darà meno grip all'anteriore.

Schermata 2021-03-12 alle 08.45.10.png

Ecco, nello scrivere un post così lungo mi sono scolato una moka intera di caffè haha
Se questa sera non dormirò magari ne approfitterò per andare a girare un'altra puntata tutorial in notturna :loll:
 

 

Seguo con interesse il quesito posto da @Nekro .
risposto sopra (:

con una bici full, c'è l'ammortizzatore che unito alle caviglie e leggere flessioni di ginocchia si permetteranno di avere un certo comfort nei tratti più facili (esempio flow trail).

Però vedetela anche così, la posizione che nel video definisco "errata" quindi in isometria totale, siamo sicuri che non ci faccia ricevere brutti colpi alla schiena? restando così piegati dovremmo essere molto rigidi di quadricipiti per poter mantenere quella posizione e di conseguenza anche le caviglie saranno bloccate....

La posizione raccontata da me è uno spunto da cui partire per esplorare nuovi movimenti che ci potranno migliorare il comfort di guida, il grip, lo stile e il divertimento (:

resto a disposizione per qualunque altro chiarimento ;-)
 

eliografo

Biker superioris
11/9/06
956
40
0
Ponente ligure
Bike
Specialized Enduro 650B
risposto sopra (:

con una bici full, c'è l'ammortizzatore che unito alle caviglie e leggere flessioni di ginocchia si permetteranno di avere un certo comfort nei tratti più facili (esempio flow trail).

Però vedetela anche così, la posizione che nel video definisco "errata" quindi in isometria totale, siamo sicuri che non ci faccia ricevere brutti colpi alla schiena? restando così piegati dovremmo essere molto rigidi di quadricipiti per poter mantenere quella posizione e di conseguenza anche le caviglie saranno bloccate....

La posizione raccontata da me è uno spunto da cui partire per esplorare nuovi movimenti che ci potranno migliorare il comfort di guida, il grip, lo stile e il divertimento (:

resto a disposizione per qualunque altro chiarimento ;-)

Complimenti, complimenti e complimenti. Questo è il video più utile dell'anno, continua così, attendo con impazienza le lezioni successive.

Su una sola cosa mi sento di muovere una constatazione: nella posizione neutra preferirei avere (come direbbe Brian Lopez) le mani leggere, e tutto il peso sui pedali, cosa che non implica scaricare l'avantreno sia ben chiaro, almeno io cerco di fare così e comunque alla fine della discesa ho male alle mani, perché come dici quella è una base di partenza, poi ci si muove ed infatti la forza sulle manopole poi ci finisce comunque, ma di base preferisco una visione del manubrio appena accarezzato. E mi scuso fin d'ora con Steve se sarò frainteso, perché apprezzo tutto il suo operato.

Poi giustissimo far vedere la posizione sbagliata, se abbasso solo il culo tra l'altro mi ritrovo seduto sulla ruota posteriore con le spalle alte e anche sui ripidi non va assolutamente bene, poi vabbè purtroppo ci devo lavorare perché mi ci ritrovo comunque :-(
 
nei commenti su YouTube, un ragazzo scrive questa frase "Io preferisco tenere le gambe leggermente piegate per essere pronto a usarle per ammortizzare sullo scassato, troppo estese rischi l effetto stecca e ti in sacchi nei vari drop, mio opinione personale per come guido io.. "

Concordo appieno, il mio "tendenzialmente distese" enfatizza forse un pò troppo, spesso vedo fare l'errore contrario, quindi tenerle perennemente piegate, probabilmente proprio per contrastare (non è mai facile rimuovere un'abitudine ben consolidata) questa abitudine errata, la mia esperienza mi ha portato ad enfatizzare tanto questo concetto, proprio per riuscire ad attuare il cambiamento.

Che bel parlare di tecnica :-)

speriamo di poter ripartire a breve con le attività!:i-want-t:
 

eliografo

Biker superioris
11/9/06
956
40
0
Ponente ligure
Bike
Specialized Enduro 650B
nei commenti su YouTube, un ragazzo scrive questa frase "Io preferisco tenere le gambe leggermente piegate per essere pronto a usarle per ammortizzare sullo scassato, troppo estese rischi l effetto stecca e ti in sacchi nei vari drop, mio opinione personale per come guido io.. "

Concordo appieno, il mio "tendenzialmente distese" enfatizza forse un pò troppo, spesso vedo fare l'errore contrario, quindi tenerle perennemente piegate, probabilmente proprio per contrastare (non è mai facile rimuovere un'abitudine ben consolidata) questa abitudine errata, la mia esperienza mi ha portato ad enfatizzare tanto questo concetto, proprio per riuscire ad attuare il cambiamento.

Che bel parlare di tecnica :-)

speriamo di poter ripartire a breve con le attività!:i-want-t:
Sì il rischio è di venir fraintesi, mi ricordo quando ho iniziato: peso indietro altrimenti ti cappotti, da lì adesso è dura togliere le vecchie abitudini
 
Complimenti, complimenti e complimenti. Questo è il video più utile dell'anno, continua così, attendo con impazienza le lezioni successive.

Su una sola cosa mi sento di muovere una constatazione: nella posizione neutra preferirei avere (come direbbe Brian Lopez) le mani leggere, e tutto il peso sui pedali, cosa che non implica scaricare l'avantreno sia ben chiaro, almeno io cerco di fare così e comunque alla fine della discesa ho male alle mani, perché come dici quella è una base di partenza, poi ci si muove ed infatti la forza sulle manopole poi ci finisce comunque, ma di base preferisco una visione del manubrio appena accarezzato. E mi scuso fin d'ora con Steve se sarò frainteso, perché apprezzo tutto il suo operato.

Poi giustissimo far vedere la posizione sbagliata, se abbasso solo il culo tra l'altro mi ritrovo seduto sulla ruota posteriore con le spalle alte e anche sui ripidi non va assolutamente bene, poi vabbè purtroppo ci devo lavorare perché mi ci ritrovo comunque :-(
Grande Elio, grazie del tuo contributo!
Spesso ho sentito la frase di Brian Lopez, anche confrontandomi con altri maestri, e la trovo giusta sicuramente, ma se la usassi mi complicherebbe l'insegnamento perchè tendenzialmente i ragazzi cercano di estremizzare il concetto che si passa per riuscire ad assimilarlo.

Premetto che ci sono essere concetti nella tecnica MTB che sono imprescindibili, altri invece (ben rari). che seguono scuole di pensiero differenti (:

A me piace poter dare elementi utili, palpabili, in modo tale che i ragazzi a lezione possano percepire differenze, questo mio modo di affrontare le tecniche di guida arriva da una mia autoanalisi in tutto ciò che faccio.
Per trasmettere un concetto, come posso far si che i ragazzi percepiscano di essere nella posizione corretta? ...autoanalisi... "ok sento peso sui palmi delle mani", quindi cerco di trasmettere questa sensazione per arrivare all'obiettivo finale, cioè la giusta tecnica.

Nel caso della tua frase " nella posizione neutra preferirei avere (come direbbe Brian Lopez) le mani leggere, e tutto il peso sui pedali, cosa che non implica scaricare l'avantreno sia ben chiaro" avrei paura che i rider provassero a mettere tutto il loro peso sulle gambe, per sorreggerlo e per poter essere in equilibrio andrebbero a piegare le gambe (errore) e a scaricare l'avantreno.

Comunque ricordiamoci sempre che la guida in mtb è attiva, avrò frazioni di secondo in cui l'avantreno sarà scarico (pietraia tecnica veloce) e altre frazioni di secondi in cui sarà carico (mi scappa l'anteriore fuori traiettoria, magari la mossa giusta potrebbe essere dargli un pò più peso, quindi grip, e tornare in traiettoria corretta, oppure nose press in movimento per cambiare di 5gradi la mia linea quindi dovrò dare peso all'anteriore..)

Diciamo che l'argomento è estremamente ampio :pirletto:
 

Undertrack

Biker novus
3/5/21
25
40
0
Mount Tamalpais
Bike
EngineLess
Grande Elio, grazie del tuo contributo!
Spesso ho sentito la frase di Brian Lopez,
Io sono uno di quelli che ha attaccato il poster dell' "attack position" di LopeS in camera, così ogni sera quando vado a letto e ogni mattina quando mi alzo gli do una ripassata..... :-)
Anche a me il tuo riferimento alle gambe distese era parso un po' strano in effetti..... il tuo chiarimento successivo mi rende più tranquillo!! :-)





attackposition.jpg
 
Last edited:
  • Like
Reactions: Strelok and Badorx

Vins213

Fat biker Salsus - ShiGura owner
9/2/18
1,853
1,037
0
30
Casalbordino
Bike
Salsa Bucksaw carbon set 26, 27.5+, 29
@steve-U bisognerebbe settare un sag diverso? Perchè comunque quando ho settato il sag non avevo una posizione come da video, quindi con forcella molto più scarica...dovrei settare il sag in posizione di 'battaglia' giusto? :mrgreen:
 

AlexV

Biker grossissimus
1/22/16
5,306
2
4,086
0
Como
Bike
Radon Slide 140
@steve-U bisognerebbe settare un sag diverso? Perchè comunque quando ho settato il sag non avevo una posizione come da video, quindi con forcella molto più scarica...dovrei settare il sag in posizione di 'battaglia' giusto? :mrgreen:
In teoria sì, il sag andrebbe impostato stando nella corretta posizione di riding
(no non mi sono immedesimato in Steve :pirletto:)
 
  • Haha
Reactions: Vins213

MauroPS

Biker acciaccatus
1/29/17
1,562
927
0
54
Vicino Udine.
Bike
Spectral AL 7.0, Grand Canyon Al 5.9, Marin Muirwoods
personalmente, da vecchio e principiante, ho visto vari tutorial sulla posizione base, che poi è anche la posizione per la guida attiva e ho un problema di fondo: quando mi metto in questa posizione con la faccia così avanti vado nel panico e mi viene spontaneo raddrizzarmi... è come se più dritto avessi maggiore possibilità di mettere la mani avanti in caso di cappottamento. immagino che sia una questione del tutto psicologica, ma non riesco a venirne fuori, quindi mi trovo spesso con l'anteriore scarico con i problemi del caso.
suggerimenti?
 

Ivo

Biker marathonensis
2/21/04
4,341
2
2,195
0
Bassa modenese
Bike
Enduro Expert 2010
personalmente, da vecchio e principiante, ho visto vari tutorial sulla posizione base, che poi è anche la posizione per la guida attiva e ho un problema di fondo: quando mi metto in questa posizione con la faccia così avanti vado nel panico e mi viene spontaneo raddrizzarmi... è come se più dritto avessi maggiore possibilità di mettere la mani avanti in caso di cappottamento. immagino che sia una questione del tutto psicologica, ma non riesco a venirne fuori, quindi mi trovo spesso con l'anteriore scarico con i problemi del caso.
suggerimenti?
Un casco integrale. :idea1:
 

AlexV

Biker grossissimus
1/22/16
5,306
2
4,086
0
Como
Bike
Radon Slide 140
personalmente, da vecchio e principiante, ho visto vari tutorial sulla posizione base, che poi è anche la posizione per la guida attiva e ho un problema di fondo: quando mi metto in questa posizione con la faccia così avanti vado nel panico e mi viene spontaneo raddrizzarmi... è come se più dritto avessi maggiore possibilità di mettere la mani avanti in caso di cappottamento. immagino che sia una questione del tutto psicologica, ma non riesco a venirne fuori, quindi mi trovo spesso con l'anteriore scarico con i problemi del caso.
suggerimenti?
Idem, ma è una questione di accrescere la fiducia nel mezzo. Io piano piano mi rendo conto di riuscire a stare molto, molto più centrato rispetto al passato. Ci sono tanti passaggi che in passato mi fidavo a fare solo a telescopico abbassato e culo indietro che ora faccio senza nemmeno rendermene conto stando in mezzo. Devi renderti conto che la bici ti permette di stare molto più avanti di quello che ti suggerisce l'istinto.
 
  • Like
Reactions: cbet and MauroPS

MauroPS

Biker acciaccatus
1/29/17
1,562
927
0
54
Vicino Udine.
Bike
Spectral AL 7.0, Grand Canyon Al 5.9, Marin Muirwoods
Un casco integrale. :idea1:

Idem, ma è una questione di accrescere la fiducia nel mezzo. Io piano piano mi rendo conto di riuscire a stare molto, molto più centrato rispetto al passato. Ci sono tanti passaggi che in passato mi fidavo a fare solo a telescopico abbassato e culo indietro che ora faccio senza nemmeno rendermene conto stando in mezzo. Devi renderti conto che la bici ti permette di stare molto più avanti di quello che ti suggerisce l'istinto.
Immagino di sì, però l'esperienza in cadute mi suggerisce il contrario... sto facendo delle prove, su tracciati che conosco a mena dito, provo a stare abbassato, gomiti in fuori, faccia avanti, me è più forte di me, mi pare di essere con il muso a contatto con il sentiero...

Sembra una cosa da ridere ma per me il casco integrale (o meglio con mentoniera staccabile) é stata la chiave di volta che mi ha consentito di rimanere in sella dove prima scendevo a piedi.
Nel mio caso (sono vecchio e fifone) ha aiutato un sacco..m

potrebbe essere una soluzione il casco integrale, ne vedo più d'uno sui trail con questa tipologia di casco, soprattutto over 50 :mrgreen:
 

Diavoletto

Biker superis
12/30/18
478
193
0
CN
Bike
MTB
Complimenti per il video! Ti spieghi con molta calma e chiarezza senza dare nulla per scontato.

Idem, ma è una questione di accrescere la fiducia nel mezzo. Io piano piano mi rendo conto di riuscire a stare molto, molto più centrato rispetto al passato. Ci sono tanti passaggi che in passato mi fidavo a fare solo a telescopico abbassato e culo indietro che ora faccio senza nemmeno rendermene conto stando in mezzo. Devi renderti conto che la bici ti permette di stare molto più avanti di quello che ti suggerisce l'istinto.

Sucesso anche a me. Appena iniziai a pedalare, come prima cosa montai un manubrio con piu' rise. Avevo quella strana sensazione (infondata) di capottamento. Ora invece zero rise e stem negativo, posizione molto piu' di attacco/attiva. Alcune volte ero caduto proprio perche' per paura ero troppo spesso in fuorisella o a braccia tese e l'anteriore cosi' scappava via.
 
  • Like
Reactions: MauroPS and AlexV

AlexV

Biker grossissimus
1/22/16
5,306
2
4,086
0
Como
Bike
Radon Slide 140
Immagino di sì, però l'esperienza in cadute mi suggerisce il contrario... sto facendo delle prove, su tracciati che conosco a mena dito, provo a stare abbassato, gomiti in fuori, faccia avanti, me è più forte di me, mi pare di essere con il muso a contatto con il sentiero...
Una cosa, già accennata sopra, che magari sembra una cavolata:

Il SAG della forcella come lo hai regolato? nella posizione di riding indicata da Steve?
A me cambiando posizione, da quella statica a quella corretta il sag è aumentato di un buon 5% per cui per ripristinare quello corretto ho dovuto gonfiare di più la forcella (ca. 10 psi sulla mia) con l'effetto che anche la sensazione di andare giù caricando il manubrio si è drasticamente ridotta. Fra l'altro con il piacevole effetto collaterale di poter tendere i registri della compressione leggermente più aperti e guadagnando pure in assorbimento delle asperità