Tech Corner Manutenzione della guarnitura Hollowtech II

scr1

Biker nirvanensus
7/16/07
25,823
3,824
0
Fiorentino ai 100%
Bike
Scott Spark910, Canyon Lux CF 9.0, Scott spark RC900 pro XTR12V
•Affronteremo in questo topic come smontare rimontare , pulire e sostituire le corone ad una guarnitura Hollowtech II.​
•Vedremo anche come smontare pulire e controllare il movimento centrale.​
•Spesso ci troviamo nella situazione di dover smontare , vuoi per ripulire vuoi per controllare o semplicemente per cambiare una corona usurata , la guarnitura.​
•Mtb forum vi mostrerà come al solito passo per passo come procedere per eseguire tale operazione.​
•Abbiamo scelto per la dimostrazione una guarnitura XTR FC-M960 , che è la più comune della versione Hollowtech II , uguale alle versioni meno blasonate tipo XT LX etc.Per correttezza vengono prodotti due modelli d questa guarnitura una V e W rispettivamente con corona da 22 T la versione V e corona da 24 T la versione W.
Vediamo cosa serve per eseguire tale manutenzione

•N° 2 chiavi dinamometriche 2 25 Nm e 20 60 NM.​
•N° 2 chiavi a brugola di 5mm
•Una chiave Shimano TL FC 20​
•Una chiave Shimano TL FC 33​
•Una chiave Shimano TL FC 16

CIMG1355.JPG


Iniziamo la procedura di smontaggio della pedivella lato opposto guarnitura , che mostra le due viti a brugola da 5 mm.
Le due chiavi servono per eseguire il lavoro in totale sincronismo in maniera che nessuna delle due viti debba sopportare un carico sbagliato durante lo svitamento, evitandone l’ eventuale rottura:

2010-03-08_19_27_43.png


Come possiamo osservare lo spazio dell’intaglio dopo l’allentamento delle viti misura circa 1 mm di larghezza in più, mettendoci in condizione di poter estrarre la pedivella

CIMG1357.JPG


Per mezzo del il tool TL F16 svitiamo la ghiera che contiene la pedivella tenendola in battuta.

CIMG1358.JPG


Rimosso il tappo abbiamo la pedivella libera , per poter essere estratta,

CIMG1359.JPG


e facendola ondeggiare con la mano la estraiamo dal suo alloggio sull’albero:

CIMG1360.JPG


Prima di procedere all’estrazione della guarnitura misuriamo per scrupolo la distanza originale dell’eccedenza dell’albero e appuntiamola su di un foglio:

CIMG1398.JPG


Con un mazzolo battiamo sull’albero della guarnitura facendolo fuoriuscire dalla parte opposta:

CIMG13611.JPG


Come possiamo notare l’albero e la guarnitura a lui collegata è libero di essere estratto senza alcun problema

CIMG13622.JPG


Procediamo adesso a pulire perfettamente il tutto.
Ogni organo meccanico smontato deve essere ripulito in ogni sua parte.
L’eventuale sporcizia rimasta potrebbe provocare dei falsi innesti o danni alla brocciatura di alloggio

CIMG13631.JPG



Lo Smontaggio delle corone.

•Vediamo come smontare un eventuale corona usurata.​
•Per fare tale operazione occorre usare l’utensile TL FC 20 ed una chiave a brugola da 5mm(Torxe T30 per guarnitura XT).​
•Le bussole che tengono solidali le corone alla guarnitura sono composte da due parti:​
•Una parte maschio che sta nella parte anteriore della corona a vista.​
•Una parte femmina che sta nella parte posteriore della corona che ha un intaglio a cacciavite molto largo.​
•Il TL FC 20 è stato progettato per sorreggere al meglio la bussola femmina innestandosi perfettamente nel foro e nell’intaglio senza possibilità di far entrare in rotazione durante lo svitamento, la bussola femmina , trascinata dalla parte anteriore maschio che svitiamo con la chiave a brugola di 5 mm.

2010-03-08_19_49_22.png


Innestiamo dunque l’utensile nella sede:

CIMG13651.JPG


E tenendolo ben saldo con la mano sinistra , procediamo allo svitamento della bussola maschio con la mano destra:

CIMG13661.JPG


La procedura vale per tutte le bussole presenti sulla guarnitura nel nostro caso sono 4

CIMG1367.JPG


2010-03-08_19_54_38.png


Una volta rimosse tutte le bussole possiamo estrarre la corona per poi rimontarla nuova o semplicemente ripulirla a dovere:

CIMG1370.JPG


Durante l’operazione curate approfonditamente la pulizia dei piani di appoggio della corona , in tale maniera quando la rimonteremo , saremmo sicuri di avere una rotazione concentrica e parallela ai piani di appoggio

CIMG1371.JPG


Prima di rimontare assicuriamoci che tutti i segni siano sempre corrispondenti all’asse interno della pedivella, i due dentini per le corone da 22 e 32 denti ed il cilindro per la corona da 44 denti.
Il cilindro posto sulla corona da 44 denti ha duplice funzione: La prima di allineamento , mentre la seconda e più importante, di impedire a seguito di un deragliamento della catena all’esterno della guarnitura, che la catena si incastri tra pedivella e corona
:

2010-03-08_19_59_35.png



Una volta ben ripulito bussole e corona riposizioniamola come sopra descritto reinnestando la parte femmina delle bussole


CIMG1376.JPG



Ingrassiamo leggermente la bussola maschio anch’essa perfettamente ripulita:


CIMG13771.JPG



E tariamo la nostra chiave dinamometrica a 5/6 NM. La parte della bussola femmina ha una funzione elastica che sopperisce come antisvitamento.
Tirata alla coppia sopra descritta, la tesa di appoggio flette leggermente mettendo in tensione la bussola maschio agendo come una specie di molla sugli angoli dei filetti , per questo non serve stringerla molto , primo perché il troppo carico potrebbe fratturarla , secondo perché la fase elastica funziona come una specie di glover:


CIMG1373.JPG


Portiamo a coppia di serraggio tutte e quattro le bussole

CIMG13781.JPG


IL MOVIMENTO CENTRALE.

Tech corner.

•Affrontiamo adesso il tema " smontaggio del movimento centrale".
•La Shimano nella versione Hollowtech II , ha pensato a due calotte esterne che contengono i cuscinetti.
•Il motivo principale è quello di aumentare notevolmente la superficie di supporto dell’albero , rendendo il sistema molto più rigido, sia in virtù del fattore distanza di appoggio sia per il fattore di avere albero solidale alla guarnitura.
•Un ‘altro motivo che affliggeva le precedenti guarniture Octalink , era l’innesto per deformazione sul movimento stesso.

•L’albero del movimento centrale era svincolato dal resto della guarnitura e sia la parte delle corone ,che la parte della pedivella, andavano montate separatamente.
•Durante il montaggio occorreva molta perizia , perché se si sorreggeva con una mano la pedivella o la guarnitura durante il suo inserimento nell'albero scanalato MC, rischiavamo di obbligarla ed entrare torti trafilando i denti interni (brocciatura) delle pedivelle , con conseguente rotazione fuori centro della guarnitura e relative corone.

•Il sistema era eccezionale come soluzione e rigidità , ma un piccolo errore di innesto poteva provocare una rotazione decentrata anche di 1 mm .

•Il nuovo sistema naturalmente avendo l’albero solidale alla stella della guarnitura , penetrando dentro il movimento ed avendo una base di supporto molto larga, in primis è lavorato direttamente insieme ai bracci della guarnitura, per perfettamente centrarlo allo stesso, e, la pedivella, assemblata dal lato opposto e tirata radialmente , non può altro che adattarsi al proprio alloggio , dunque una perfezione assoluta.

•Avendo però il sistema di rotazione totalmente esterno , vero che è facile da ispezionare, ma è altrettanto facile patire di una massima attenzione alla manutenzione, essendo esposto appunto ad ogni tipo di intemperie e sporcizia.

•Vediamo come smontarlo:

Prepariamo la chiave TL FC 33 ed iniziamo a svitare le calotte poste nella scatola del movimento. Partendo dalla parte destra o lato guarnitura innestiamo il tool nella calotta e facciamo pressione verso il basso senso orario, e essendo un movimento BSA , passo inglese,in tal modo la calotta verrà svitata:

CIMG1379.JPG


La Shimano fornisce di serie un utensile aperto il TL FC 32, ma la versione 33 completamente circolare e poligonale, permette una maggior precisione di alloggio , e consente di far forza in maniera omogenea sulla calotta senza rovinare i denti di innesto

CIMG1380.JPG


Procediamo adesso a togliere anche la calotta lato sinistro o pedivella spingendo questa volta con la chiave in senso antiorario

CIMG1381.JPG


Ecco come si presenta il movimento centrale:
calotta destra , calotta sinistra , tubo di connessione interno che impedisce qualsiasi accesso di liquido o solido da parti esterne. Il tubetto di connessione è dotato di due o ring che fanno tenuta con l’interno delle calotte


CIMG1382.JPG


•Testiamo adesso manualmente la rotazione delle calotte , che per effetto del grasso adottato dalla Shimano si mostrano pastose nella rotazione. Le calotte non debbono avere impuntamenti e girare fluide, sono soltanto un frenate dalla consistenza del grasso ma la cosa è normale.

•Se invece impuntano allora vanno sostituite.

•Puliamo attentamente la scatola, sia sui fianchi di appoggio, che all’interno nella filettatura.
Non debbono rimanere tracce di sporco , ne terra ne sabbia, altrimenti quando andremo a rimontare le calotte rischiamo di rovinare la filettatura interna o di rovinare lo spallamento o battuta esterna. Osservate quanto sia importante l’ortogonalità della battuta esterna rispetto alla filettatura interna. Lo si vede dall’omogeneità del segno lasciato dall’appoggio della calotta.

•La mancata ortogonalità del fianco , metterebbe in tensione l’involucro che contiene il cuscinetto facendolo torcere per adattarsi al fuori piano.

•Oltre che a divenire oblunga la calotta mette in tensione anche il cuscinetto facendolo ruotare malamente , oltretutto l’albero non lambirebbe più tutta la superficie ma andrebbe a poggiare su di un ellisse.

•Questo per far capire a tutti che quando su un telaio di non recentissima produzione , volessimo montare il nuovo movimento Hollowtech II , è necessario preparare le facce di appoggio, fresandole, altrimenti la vita dello stesso diventa veramente breve.

Come possiamo osservare la calotta poggia omogeneamente su tutta la superficie, considerando che la staffa del deragliatore E Type è di stampaggio

CIMG1383.JPG


Ecco come deve essere preparata la scatola per il rimontaggio, perfettamente pulita.

CIMG13841.JPG


•Andiamo adesso a misurare la nostra scatola.

•Come potete osservare nel nostro caso abbiamo una scatola da 73mm, infatti la staffa del deragliatore misura 2,5mm e sta al posto dello spessore , naturalmente lato guarnitura.

• La misura apparsa sul calibro digitale di 75,87mm è dovuta al fatto che la staffa non contenuta dalla calotta tende a solleversi leggermente di 3,7 decimi di millimetro.

•La potessimo misurare a calotte chiuse a coppia di serraggio avremmo la misura esatta di 75,5mm.


CIMG1389.JPG


•Le scatole BSA passo inglese possono avere due misure 68mm o 73 mm.

•Le scatole passo Italiano misurano invece 70mm ed abbisognano di spessorature diverse.

•Nelle scatole 68 mm avremmo, se il deragliatore è di tipo fascetta , due spessori lato guarnitura da 2,5mm ed uno spessore lato pedivella da 2,5mm.

•Se il deragliatore è di tipo E type avremmo invece uno spessore lato guarnitura da 2,5 mm ed uno spessore lato pedivella da 2,5mm

•Nella scatole da 73mm avremmo invece con il deragliatore a fascetta alta uno spessore lato guarnitura da 2,5mm , mentre con il tipo E avremmo zero spessori

•Per quanto riguarda le scatole a passo Italiano invece avremmo, un problemino, perché le calotte da MTB non vengono più costruite.

•Niente paura dobbiamo soltanto adattare quelle stradali , nella versione ultegra e costruire degli spessori per avere la giusta linea catena di :

•4mm lato guarnitura, 1,5mm lato pedivella

Nuova_immagine_5_.jpg


Iniziamo adesso a rimontare le calotte facendo attenzione a coprire con un di grasso i filetti della calotta stessa spalmandolo su tutta la circonferenza , il quale durante l’inserimento si depositerà sulla filettatura interna , prevenendo ossidazioni e mantenendo sempre la calotta ben salvaguardata da eventuali grippaggi. Per fare ciò si usa o grasso al silicone o litio oppure dell’antiseize (antigrippante):

CIMG1388.JPG


Reinseriamo dunque le calotte connettendo anche il tubo in plastica di protezione:

CIMG1391.JPG


CIMG13921.JPG


Tariamo la chiave dinamometrica a 40NM

CIMG1394.JPG


E andiamo a serrare le calotte a coppia di serraggio (40NM) prima la parte sinistra agendo in senso, questa volta , orario:

CIMG1395.JPG


Poi la parte destra agendo in senso, questa volta antiorario.

CIMG1396.JPG


Sul serraggio delle calotte non possiamo sbagliare perché mostrano la dicitura TIGHTEN indicando la freccia direzionale di chiusura:

CIMG1382.JPG


Rimontate le calotte andiamo a preoccuparci di reinserire la guarnitura.
Dopo averlo attentamente ripulito ingrassiamo anche la superficie dell’albero , in maniera da facilitare il suo reinserimento all’interno del movimento centrale:

CIMG1390.JPG


Reinseriamo la guarnitura:

CIMG1397.JPG


Assicuriamoci di mandarla bene in battuta usando il mazzolo in plastica sempre con molta parsimonia:

CIMG1399.JPG


Ricontrollando la misura precedentemente appuntata su di un foglio

CIMG1398.JPG


Facciamo combaciare i due piani come in figura, che determinano l'esatto angolo di posizionamento,

CIMG14011.JPG


Riassembliamo la pedivella sull’albero

CIMG1400.JPG


Portando in battuta la ghiera con il tool TL FC 15 MANUALMENTE senza forzare , perché un eccessiva forza di chiusura può compromettere la durata dei cuscinetti, oltretutto viene compressa dalla chiusura delle due viti radiali quindi impossibile svitarla senza allentare il sistema.
Dunque accostare con le mani il sistema portandolo in battuta e detensionarlo tornando leggermente indietro con la ghiera


CIMG1402.JPG


Iniziamo ad accostare con le due chiavi a brugola da 5 mm sempre agendo simultaneamente, le due viti di chiusura pedivella,portandole ad una buona tensionatura, ma non a coppia di serraggio:

CIMG1403.JPG


Impostiamo la chiave dinamometrica a 12 NM

CIMG1404.JPG


portando a coppia di serraggio prima l’una

CIMG1405.JPG


Poi l’altra sempre in maniera progressiva , agendo cioè in egual misura su entrambe le viti e tenendo la chiave ben compressa all'interno dell'esagono, per non sboccarlo.

CIMG1406.JPG


PS:, per chi non possiede la dinamometrica Shimano ha introdotto da tempo un settore di plastica che va in battuta dentro l'intaglio, diciamo che in un certo senso funziona come torque limitter.(limitatore di coppia)e come antiestrazione nel caso la pedivella si allentasse ( dunque va tolto in caso si voglia sfilare la pedivella).

•Abbiamo finito la nostra guarnitura è pronta per ripartire a soddisfare le nostre esigenze nella sicurezza che tutto sia perfettamente a posto.

Come sempre siamo a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento.

SCR1














 

Gingig

Biker marathonensis
6/17/07
4,285
5
0
Provincia Milano
Ottimo lavoro come sempre.
Ho imparato due cose nuove:

1) L'allineamento delle corone: ho rimontato in occasione dell manut. dell'ammo la mia corona senza far caso a questo allineamento. Scommetto che stassera vado a casa e controllando la trovo fuori posto. :rosik:

SCR1, può essere questo che mi rende la cambiata non sempre fluida dalla corona 22 alla 32?


2) Non sapevo che lo spacer di plastica fosse un fermo/battuta per le viti di fissaggio. Quando chiesi a chi me la vendette, la guarnitura, costui, il negoziante, ignorava che esistesse. E quì fermiamoci altrimenti dobbiamo aprire un topic sulla professionalità dei negozianti/meccanici :nunsacci::nunsacci::nunsacci:
 

KiDdolo

Biker assatanatus
9/7/08
3,461
0
0
La Casìììna
Bike
sporca
ottima spiegazione o-o

2 cose non so / non ho capito: il mio deragliatore shimano xt è a fascetta bassa o alta? i vari spessori da usare per il montaggio sulle varie scatole dei vari telai sono forniti nella confezione? :nunsacci:

giusto sabato dovrei far cambiare la guarnitura, faro' la radiografia a tutta l'operazione del mecca :saccio:
 

Andrea321

Biker poeticus
10/1/07
3,955
955
0
Cesena
Bike
Mondraker Foxy Carbon R
tutto ottimo come sempre, sarebbe però interessante anche la guida per cambiare i cuscinetti del MC (mantenendo le calotte), anche se shimano sconsiglia questa operazione. Così davvero avremmo un MC nuovo sostituendo solo i due cuscinetti (ed eventualmente che cuscinetti mettere ?? Già da un pò si parla di cuscinetti ceramici ma c'è molta confusione a riguardo)
 
  • Like
Reactions: durden74

sgamarco

Nulla si crea tutto si modifica
5/27/08
3,651
51
0
48
Roma EST
Bike
- IBIS Mojo 27.5 - Camber 29EVO - Stj HT carbon
mi tocca comperare il TL FC 20...

Grazie delle info.
 

Marco1971

Biker forumensus
8/12/08
2,048
13
0
Prov. di Lucca
Bike
Trek 8000-6500
Ottimo lavoro come sempre.
Ho imparato due cose nuove:

1) L'allineamento delle corone: ho rimontato in occasione dell manut. dell'ammo la mia corona senza far caso a questo allineamento. Scommetto che stassera vado a casa e controllando la trovo fuori posto. :rosik:

SCR1, può essere questo che mi rende la cambiata non sempre fluida dalla corona 22 alla 32?


2) Non sapevo che lo spacer di plastica fosse un fermo/battuta per le viti di fissaggio. Quando chiesi a chi me la vendette, la guarnitura, costui, il negoziante, ignorava che esistesse. E quì fermiamoci altrimenti dobbiamo aprire un topic sulla professionalità dei negozianti/meccanici :nunsacci::nunsacci::nunsacci:


...il sistema di salita e discesa della catena Hyperdrive (corone SGX, deragliatore anteriore,catena ecc.) di Shimano è progettato in modo tale che la salita/discesa avvenga in precisi istanti del moto della guarnitura...con annesse corone che devono essere montate secondo la messa in "fase" richiesta (ed indicata sulle corone stesse).
Grazie.

Thanks SCR1, ho messo nella mia wishlist la TL-FC21 (perché non trovo la 20)...sai se si può realizzare un suo valido surrogato ?

Marco1971.
 

schiesa

Biker tremendus
7/27/09
1,099
0
0
Colli Euganei
2 domande:
- con cosa è meglio pulire il tutto? e come si fa a fare così luccicante :-) la scatola movimento?
- c'è modo di aprire le calotte e ingrassarle o non si riesce/ non ha senso??

Grazie, gran bell'articolo
 

ammiraglio87

Biker cesareus
6/10/09
1,654
2
0
Trst - Trieste
Ogni quanti km sarebbe bene pulire il tutto? è possibile effettuare il lavoro anche senza i tools specifici?

Per fare il lavoro sulla guarnitura shimano SLX, si procede ugualmente? Perchè la mia sembra girare in modo poco fluido e vorrei controllare cosa c'è all'interno che la limita...
 

stefanogta

Biker tremendus
12/27/08
1,244
1
0
Ferentino (FR)
Perfetto come sempre....solo una cosa che vedo che ha già creato confusione...deragliatore a fascetta alta e bassa necessitano degli stessi spessoramenti per il mc...meglio correggere...

:celopiùg::celopiùg:
Grande
 

oitem

Biker tremendus
5/31/09
1,024
2
0
siracusa
Bike
epic
grande. ottima spiegazione, come sempre del resto
io ho un problemino,volevo montare la guarnitura frm sulla mia scale che monta il deragliatore e-type ed è di 73mm, non ho montato spessori,ho proceduto grossomodo come nella spiegazione fino al problema
la pedivella sinistra non entra tutta perchè l'albero della guarnitura non esce abbastanza, per colpa dello spessore del e-type
scr1 più o meno è questo il problema che volevo spiegarti ieri
 

attarantato

Biker serius
9/4/07
242
0
0
MI
ragazzi... che dire, grazie, perfetto, utilissimo, tecnicamente impeccabbile e ricco di informazioni (tipo il gancino torque limitter) che fanno capire, se comprese, come il concetto di qualita'/prezzo shimano sia reale
 

tomb

Biker spectacularis
1/23/03
23,060
3
0
63
campi bisenzio valley (fi) toscana!
@scr1-PS:, per chi non possiede la dinamometrica Shimano ha introdotto da tempo un settore di plastica che va in battuta dentro l'intaglio, diciamo che in un certo senso funziona come torque limitter.(limitatore di coppia)

questo inserto,serve anche per impedire la fuoriuscita della pedivella,causata da un malaugurato allentamento delle viti di fissaggio,e per smontarla,una volta allentata va tolto prima,altrimenti la pedivella non esce,perlo meno nel xt
 

scr1

Biker nirvanensus
7/16/07
25,823
3,824
0
Fiorentino ai 100%
Bike
Scott Spark910, Canyon Lux CF 9.0, Scott spark RC900 pro XTR12V
Allora procediamo per ordine:
@Gingig:
SCR1, può essere questo che mi rende la cambiata non sempre fluida dalla corona 22 alla 32?
Si può essere , la fasatura è necesaria er far funzionare bene il sistema.

@Kiddolo:
2 cose non so / non ho capito: il mio deragliatore shimano xt è a fascetta bassa o alta? i vari spessori da usare per il montaggio sulle varie scatole dei vari telai sono forniti nella confezione?
Non so se il tuo deragliatore sia a fascetta alta o bassa, ma no fa differenza in quanto quelli collegati al tubo pianrtone non sono invasivi , per il M.C. dunque la spessoratura rimane quella standard.
Gli spessori sono forniti se acquisti un MC nuovo.

@Marco:
sai se si può realizzare un suo valido surrogato ?
Direi che è meglio acquistare l'originale visto il costo. Senz'altro si può costruire.

@Schiesa:

2 domande:
- con cosa è meglio pulire il tutto? e come si fa a fare così luccicante :-) la scatola movimento?
- c'è modo di aprire le calotte e ingrassarle o non si riesce/ non ha senso??
Io uso petrolio bianco e una spruzzatina di sgrassatore succesiva, risciacquando con acqua.
Le calotte si possono aprire , ma si fa danno .Una volta aperte non sono più quelle di prima. I cuscinetti sono sigillati vanno aperti lavati e reingrassati. Ma è meglio non dover arrivare a farlo.

@Ammiraglio:
Ogni quanti km sarebbe bene pulire il tutto? è possibile effettuare il lavoro anche senza i tools specifici?

Per fare il lavoro sulla guarnitura shimano SLX, si procede ugualmente? Perchè la mia sembra girare in modo poco fluido e vorrei controllare cosa c'è all'interno che la limita.
Se la bike non presenta problematiche evidenti , basta controllare una volta ogni 6 mesi, più che altro la rotazione delle calotte , senza smontarle.
Per la guarnitura SLX si proede esattamente nella stessa maniera.


@Stefanogta:
.deragliatore a fascetta alta e bassa necessitano degli stessi spessoramenti per il mc...meglio correggere...
Io credo di aver scritto a fascetta alta , per evidenziare quelli che si fissano sul tubo piantone. Solo per l'E TYPE la musica cambia.
Grazie comunque della segnalazione.

@Oitem:

Credo che tu debba abdicare , non ci sono molte soluzioni.

@Tomb:
Grazie della precisazione Luca , effettivamente serve anche a quello scopo, ma ricorda che abbiamo anche il tappo frontale.

@Andrea321:
I cuscinetti delle calotte Shimano sono customizzati per le calotte stesse.Cambiarli si potrebbe, ma troviamo sul mercato un qualcosa di simile ma più spesso di 1mm.Questo provoca un adattamento delle cuffie di rivestimento, che poi fanno penetrare sporco, riducendo la durata del cuscinetto stesso.Dunque per la cifra che risparmiamo non conviene .
 

stefanogta

Biker tremendus
12/27/08
1,244
1
0
Ferentino (FR)
@Stefanogta:
Io credo di aver scritto a fascetta alta , per evidenziare quelli che si fissano sul tubo piantone. Solo per l'E TYPE la musica cambia.
Grazie comunque della segnalazione.

Si ma anche il deragliatore a fascetta bassa viene spessorato nello stesso modo e si fissa sul tubo piantone...non solo quello a fascetta alta...forse meglio specificare a fascetta e basta...