I report del forum Sentiero della prima guerra mondiale - Passo del Lago - 323 (Lagorai - Trentino)

Mercoledì 16 Settembre 2020, metà settimana e giro pomeridiano in quota insieme a @Tony lo Svelto e @ghostbanner...location Catena del Lagorai nel Trentino Orientale per non perdere la "memoria" sui sentieri della Grande Guerra.

Image13.jpg

Partiamo dal parcheggio degli impianti sciistici del Monte Panarotta a quota 1770 m raggiungibile in auto su lunga carrabile asfaltata dal paese di Levico Terme in Valsugana.

Da qui la direzione obbligata porta con un tratto semi pianeggiante alla bella radura della sella de La Bassa (1834 m) da dove si diramano diversi sentieri. Le nostre ruote "decidono" di seguire il bellissimo e panoramico sentiero della Prima Guerra Mondiale che in leggera salita si dirige verso nord.

Image01.jpg

Non ci stancheremo mai di pedalare lungo questo favoloso traverso. :medita:

Image02.jpg
(foto by Tony lo Svelto)

Image03.jpg

Image04.jpg

La libidine termina a quota 2050 m dove inizia una "spallatina" di circa 100 metri di dislivello per Forcella Fravort (2155 m) dove si rimonta in sella per qualche metro. :specc:

Image05.jpg

Ancora una decina di minuti a spinta lungo il successivo traverso per Passo la Portella (2152 m) poi si pedala con buona costanza, considerata la quota, lungo i ripidi pendii erbosi del Monte Gronlait. :i-want-t:

Image06.jpg

Image07.jpg

Il tratto Passo la Portella - Passo del Lago, ciclisticamente parlando, è abbastanza ostico con diversi tratti esposti e pedalabilità scarsa...per contro si percorre un crinale d'ambiente spettacolare. :!:

Image08.jpg

Image09.jpg
(foto by Tony lo Svelto)

Image10.jpg

Image11.jpg
(foto by Tony lo Svelto)

Image12.jpg

Image14.jpg
(foto by Tony lo Svelto)

A Passo del Lago (2213 m) cambiamo direzione, ci catapultiamo ad oriente lungo il segnavia biancorosso 323 verso una conca ricca d'acqua chiamata Sette Laghi. :bollicine:

Image15.jpg

Una prima parte tortuosa a tornantini come piace a noi...:celopiùg:

Image17.jpg

Image16.jpg

...ed una seconda più pianeggiante ma altrettanto godibile. :loll:

Image18.jpg

Image19.jpg
(foto by Tony lo Svelto)

Inizia ora un altro traverso bello pedalabile e di grande soddisfazione...siamo ancora in quota fra i 1800 e i 1900 metri. :sbavon:

Image20.jpg

Image21.jpg

Al Lago delle Carezze si entra piano piano in zona boschiva ma il sentiero e la traccia rimangono super. :-)

Image22.jpg

Scendendo andiamo a lambire Malga Trenca per poi fiondarci al Rifugio Seròt (1566 m) dove arrestiamo momentaneamente la nostra marcia per "farci una bella bionda" :augustin:

In direzione sud - ovest proseguiamo poi in quota fino ad innestarci sull'ultimo traverso di giornata sul sentiero 372 che ci riporta alla sella de La Bassa chiudendo così un anello in quota davvero esaltante.

Traccia:

:}}}:
 
Ultima modifica:

 

ghostbanner

Biker novus
31/8/18
22
15
0
Vallelaghi
Bike
TR
Good boys!!
Grande giro, ma non facciamo troppa pubblicità...
Si è vero non ditelo in giro :babb:ma gli innumerevoli tratti di portage fanno desistere il 99% dei biker...per dire la spallata alla forcella Fravort se non abituati sembra impossibile invece sono 8 minuti di felicità e riposo per noi :hail: inoltre ci sono molti tratti a piedi sia prima della forcella finale che per arrivare a Malga Trinca.
Ricordatevi che i non si scrive sempre tutto nei report come non si mostra tutto nei video.! :rock-it:
 

Kaiser Soze

Biker Dolomiticus
14/8/16
232
148
0
Riva del Garda
Bike
Trek Emonda SL8 - Cube Elite C:62 Race - Trek Domane SLR8
Si è vero non ditelo in giro :babb:ma gli innumerevoli tratti di portage fanno desistere il 99% dei biker...per dire la spallata alla forcella Fravort se non abituati sembra impossibile invece sono 8 minuti di felicità e riposo per noi :hail: inoltre ci sono molti tratti a piedi sia prima della forcella finale che per arrivare a Malga Trinca.
Ricordatevi che i non si scrive sempre tutto nei report come non si mostra tutto nei video.! :rock-it:
Beh, la salita verso la forcella Fravort bici in spalla non è proprio felicità e relax, anzi, direi che può essere potenzialmente pericolosa.
Scherzando, mi riferivo al fatto che il Lagorai è (forse meglio dire "era") poco frequentato e sarebbe bello se continuasse ad essere così.
 
Ultima modifica: