manitou mastodon >Test<

nonnocarb

Redazione
11/11/03
14,393
246
0
63
Merano
www.meranobike.it
Prima prova Manitou Mastodon 120 su Salsa bucksaw .
Piccolo riassunto per chi non ha tempo di leggere tutta la pappardella: sono soddisfatto perchè è progressiva e lavora già alle basse velocità, che è quello che manca alla Bluto!
Chi ha voglia può leggere il test di seguito:
Dopo aver sempre usato, sulla bucksaw, una bluto da 100, quest’anno avevo cominciato ad usare una bluto da 120. Buona in discesa tecnica, forse un po’ alta in salita molto ripida. Sempre comunque troppo rigida alle basse velocità (cioè sulle piccole sconnessioni).
Adesso ho avuto l’occasione, grazie al vulcanico Mauro di Raceware, di provare in anteprima la nuova Manitou Mastodon con steli da 34. La lunghezza è di 120, si può avere da 100 a 140. Il peso è di circa 150g superiore alla bluto, anche calcolando che la Manitou non ha il remoto al manubrio. Per adesso è l’unica in Europa, sarà presentata alla sea otter classic e poi al bike festival e la distribuzione è prevista infatti non prima di fine giugno.
Decido prima di tutto di provarla in salita. Non una salita qualunque, ma una salita lastricata irregolarmente, con punte oltre il 25%, che solitamente si fa in discesa. Sgonfio un po’ le gomme, metto l’ammortizzatore in posizione intermedia (climb) e apro la forcella. Comincio a salire e la posizione mi sembra subito comoda, la bici non tende ad impennarsi come invece mi dava l’impressione la bluto da 120. Salgo pianissimo e già dall’inzio la forcella comincia a dare una buona impressione,la bici infatti assorbe ogni asperità proprio perché la forcella lavora anche alle basse velocità. Arrivo in cima a questi 250 metri di dislivello terribili con il cuore che batte a mille, clamorosamente fuori soglia, per fortuna che due giorni fa ho fatto la visita medico-sportiva e il doc mi ha dichiarato a posto con il cuore anche quest’anno! Mi stendo sulla panchina alla fine della salita per riprendermi, ma sono molto contento perché questa salita non ero mai riuscito a farla prima.
Adesso un tratto in asfalto, chiudo ammortizzatore e forcella e la bici sale bella stabile.
Poi strada sterrata, un po’ di portage e arrivo all’inizio del sentiero per scendere, mi aspettano 1400 metri di dislivello tecnici e molto duri dall’inizio alla fine, su roccia gradinata e fissa. Del resto un test o si fa bene o non si fa!
Sgonfio le gomme al punto giusto, visto che anche con forcella e ammortizzatore le gomme vanno sgonfiate lo stesso, ma appena un po’ meno che con la rigida. Sul tecnico la forcella lavora bene, in questo caso più o meno come la bluto, che sul tecnico difficile non ha mai deluso. Rimbalzo solo leggermente su alcuni ostacoli, allora provo a chiudere un po’ il ritorno (meno veloce) e cosi va molto meglio. Su un tratto di sentiero più scorrevole ci sono da passare alcune radici. Ecco, la differenza con la bluto è proprio qui. Passo le radici quasi senza accorgermene, la forcella è infatti progressiva e comincia a lavorare già alle basse velocità. Forse un appena dura nello scorrimento, ma è la prima uscita e immagino che ci voglia un po’ di rodaggio per ammorbidirla.
Alla fine, nonostante alcuni gradoni da 50 cm e un paio di saltini, noto che la forcella non è mai arrivata a fondo corsa, manca ancora circa un cm. Avevo regolato l’aria sul mio peso, 70 kg, forse posso metterne appena di meno.
Insomma prima prova sicuramente positiva, prossimamente la continuazione del test!

82d0d6d1fd9b45e799da4c6bb92bdbb4.thumbnail.jpg


65274c267b1f4342ace8eaaa15043273.thumbnail.jpg


94fa44314bea481d8b5cb0d41e74c585.thumbnail.jpg


1/5/2017 Continua il test della forcella per fat bike Manitou mastodon 34 x 120, montata sulla mia Salsa Bucksaw (la salamandra).
Dopo la pausa lungo il Po, posso riprendere finalmente a scalare le mie montagne per provare questa nuova forcella. 2000 metri di dislivello sabato e quasi altrettanti questa mattina, su sentieri molto vari, e adesso sono finalmente arrivato a capire le tante regolazioni della forcella e a farla funzionare al meglio. E accidenti se funziona! Sabato ancora la sentivo un pò duretta, sempre più morbida della Bluto, ma non ancora soddisfacente. Ieri allora l'ho sgonfiata un pò, da 70 che doveva essere la pressione ideale per il mio peso (quasi 70 kg) , l'ho portata fra 60 e 65, giusto per non farla arrivare a fondo corsa.
Prima parte su salita asfaltata, forcella e ammo bloccati, gomme belle gonfie e salgo come al solito bene. Arrivo sulla forestale inghiaiata e un pò sconnessa, normalmente, con la fat, avrei dovuto sgonfiare di circa 0.2, cioè da 1.0 a 0.8, anche 0.7 per salire comodamente, invece apro la forcella e metto l'ammo sulla posizione intermedia (climb). Ecco che ottengo lo stesso risultato, sento e vedo infatti che la forcella lavora anche sulle piccolissime sconnessioni, laddove la Bluto rimaneva invece completamente ferma. Ottimo!
Naturalmente parlo solo di comodità e di morbidezza, per aumentare anche il grip dovrei in ogni caso sgonfiare le gomme, ma per adesso non mi serve perchè la pendenza non è tanta.
Alla fine della forestale, ecco quello che aspettavo, un sentiero in leggerissima salita pieno di radici trasversali di circa 3-5 cm di altezza.
Adesso sgonfio un pò le gomme, portandole circa a 0.7, ricordandomi che anche qui la Bluto lavorava molto poco. Ecco invece che con la mastodon passo via senza quasi sentire le radici, proprio perchè la forcella è molto sensibile anche ai piccoli urti.
Arrivo in cima, a quasi 2000 metri, qualche fiocco di neve, vento gelido, neve ghiacciata e rifugio chiuso!
Non ho il termomentro, ma siamo sicuramente sottozero, vabbè mi cambio al riparo dal vento, mangio qualcosa, sgonfio ancora un pò le gomme (Tengo la pressione un pò più alta del solito, a circa 0.6) e mi aspetta uno dei sentieri più belli dei dintorni di Merano, il 30a che scende dalla malga di Naturno, 1500 metri di dislivello con tratti scorrevoli e tratti tecnici e ripidissimi. (ma non ditelo a Stelio!
1f609.png
;-) )
E subito, fin dal primo gradone di 40 cm, noto la differenza.
La Bluto, essendo molto lineare, assorbiva molto bene le asperità più grandi, ma ti ributtava su, all'inizio della corsa. La matodon invece è progressiva, assorbe le asperità e non la senti più indurirsi, rimane sempre in movimento, su e giù, su e giù, magnificamente aiutata dal'ammortizzatore della Bucksaw. Morbidezza ed efficacia unica, era dai tempi dalla fox 160 da 36 che non provavo più sensazioni simili. In più è rigida, perchè con gli steli da 34 non si sente più quell'effetto di spanciamento dato, ogni tanto, dalla Bluto. La sensazione è ridotta rispetto ad una mtb con le gomme strette, perchè con una fat già le gomme spanciano per conto loro, però si avverte lo stesso.
Insomma arrivo in fondo alla discesa veramente contento, gli indici sono al limite perchè la pendenza è tanta e i freni bisogna usarli molto, ma le braccia ringraziano la morbidezza di questa forcella!
Conclusioni: la differenza fra forcella lineare e progressiva si sente eccome, unita alla maggior corsa (120 invece di 100) e alla maggior rigidità (34 invece di 32 di stelo). La Manitou lavora proprio dove la bluto è ferma, alle basse velocità. Questo vuol dire che, mentre per far funzionare bene la Bluto , dovevo tenere sempre una pressione ideale alle gomme, e perciò lavorare di più di gonfia-sgonfia (e ancora non si aveva la perfezione), per far funzionare bene la Manitou posso tenerla anche ad una pressione leggermente maggiore dell'ideale e avrò lo stesso una guida comoda ed efficace.
Cosa che aiuta molto in caso di più salite e discese, o di vari passaggi asfalto-sterrato-sentieri-asfalto.
In ogni caso, i vantaggi che impressionano di più sono i passaggi sulle radici o tratti sassosi in piano, dove fra gomme fat e forcella sembra di essere sul liscio e discesa tecnica, dove la forcella lavora con una morbidezza impressionante.
Ricordo comunque che il test è stato fatto su una fat full, e l'ammortizzatore della bucksaw rende veramente tutto più facile e morbido già di suo.
Ultimo commento: azzardo anche un paragone con la lefty, che è la miglior forcella per fat bike che finora avevo mai provato (estetica a parte). Forse quest'ultima rimane ancora la migliore, ma la mastodon le sta certamente con il fiato sul collo!
Grazie ancora a Mauro Bertolotto per avermi dato la possibilità di provare questa ottima forcella!
 
Last edited:
  • Like
Reactions: shuscii

luca.sushi

Biker assatanatus
1/6/08
3,427
177
0
Ancona
Appena montata sulla bucksaw la manitou mastodon 34 da 120, modello 2018. Prevista la distribuzione non prima di fine giugno, intanto la testiamo un pò! Peso circa 150 g più della bluto, misure da 100 a 140, questa è 120

94fa44314bea481d8b5cb0d41e74c585.thumbnail.jpg
Ormai sei un tester ufficiale.... Ti ha contattato Manitou??
Attendiamo impressioni!!
 

latitante77

Biker tremendus
4/29/08
1,377
96
0
TERRACINA
Dalle specifiche non dicono solo 150gr in piu ma si parlava di 400 gr? Si sente l'altezza in piu rispetto alla Bluto? Sempre da specifiche la 120 dovrebbe essere lunga come una 'ipotetica Bluto' da 140.
Grazie.
 

nonnocarb

Redazione
11/11/03
14,393
246
0
63
Merano
www.meranobike.it
Dalle specifiche non dicono solo 150gr in piu ma si parlava di 400 gr? Si sente l'altezza in piu rispetto alla Bluto? Sempre da specifiche la 120 dovrebbe essere lunga come una 'ipotetica Bluto' da 140.
Grazie.
Con la bluto da 120 sentivo un pò l'altezza, invece con questa è molto meglio, come con la bluto da 100
 

nonnocarb

Redazione
11/11/03
14,393
246
0
63
Merano
www.meranobike.it
Continua il test della forcella per fat bike Manitou mastodon 34 x 120, montata sulla mia Salsa Bucksaw (la salamandra).
Dopo la pausa lungo il Po, posso riprendere finalmente a scalare le mie montagne per provare questa nuova forcella. 2000 metri di dislivello sabato e quasi altrettanti questa mattina, su sentieri molto vari, e adesso sono finalmente arrivato a capire le tante regolazioni della forcella e a farla funzionare al meglio. E accidenti se funziona! Sabato ancora la sentivo un pò duretta, sempre più morbida della Bluto, ma non ancora soddisfacente. Ieri allora l'ho sgonfiata un pò, da 70 che doveva essere la pressione ideale per il mio peso (quasi 70 kg) , l'ho portata fra 60 e 65, giusto per non farla arrivare a fondo corsa.
Prima parte su salita asfaltata, forcella e ammo bloccati, gomme belle gonfie e salgo come al solito bene. Arrivo sulla forestale inghiaiata e un pò sconnessa, normalmente, con la fat, avrei dovuto sgonfiare di circa 0.2, cioè da 1.0 a 0.8, anche 0.7 per salire comodamente, invece apro la forcella e metto l'ammo sulla posizione intermedia (climb). Ecco che ottengo lo stesso risultato, sento e vedo infatti che la forcella lavora anche sulle piccolissime sconnessioni, laddove la Bluto rimaneva invece completamente ferma. Ottimo!
Naturalmente parlo solo di comodità e di morbidezza, per aumentare anche il grip dovrei in ogni caso sgonfiare le gomme, ma per adesso non mi serve perchè la pendenza non è tanta.
Alla fine della forestale, ecco quello che aspettavo, un sentiero in leggerissima salita pieno di radici trasversali di circa 3-5 cm di altezza.
Adesso sgonfio un pò le gomme, portandole circa a 0.7, ricordandomi che anche qui la Bluto lavorava molto poco. Ecco invece che con la mastodon passo via senza quasi sentire le radici, proprio perchè la forcella è molto sensibile anche ai piccoli urti.
Arrivo in cima, a quasi 2000 metri, qualche fiocco di neve, vento gelido, neve ghiacciata e rifugio chiuso!
Non ho il termomentro, ma siamo sicuramente sottozero, vabbè mi cambio al riparo dal vento, mangio qualcosa, sgonfio ancora un pò le gomme (Tengo la pressione un pò più alta del solito, a circa 0.6) e mi aspetta uno dei sentieri più belli dei dintorni di Merano, il 30a che scende dalla malga di Naturno, 1500 metri di dislivello con tratti scorrevoli e tratti tecnici e ripidissimi.
E subito, fin dal primo gradone di 40 cm, noto la differenza.
La Bluto, essendo molto lineare, assorbiva molto bene le asperità più grandi, ma ti ributtava su, all'inizio della corsa. La matodon invece è progressiva, assorbe le asperità e non la senti più indurirsi, rimane sempre in movimento, su e giù, su e giù, magnificamente aiutata dal'ammortizzatore della Bucksaw. Morbidezza ed efficacia unica, era dai tempi dalla fox 160 da 36 che non provavo più sensazioni simili. In più è rigida, perchè con gli steli da 34 non si sente più quell'effetto di spanciamento dato, ogni tanto, dalla Bluto. La sensazione è ridotta rispetto ad una mtb con le gomme strette, perchè con una fat già le gomme spanciano per conto loro, però si avverte lo stesso.
Insomma arrivo in fondo alla discesa veramente contento, gli indici sono al limite perchè la pendenza è tanta e i freni bisogna usarli molto, ma le braccia ringraziano la morbidezza di questa forcella!
Conclusioni: la differenza fra forcella lineare e progressiva si sente eccome, unita alla maggior corsa (120 invece di 100) e alla maggior rigidità (34 invece di 32 di stelo). La Manitou lavora proprio dove la bluto è ferma, alle basse velocità. Questo vuol dire che, mentre per far funzionare bene la Bluto , dovevo tenere sempre una pressione ideale alle gomme, e perciò lavorare di più di gonfia-sgonfia (e ancora non si aveva la perfezione), per far funzionare bene la Manitou posso tenerla anche ad una pressione leggermente maggiore dell'ideale e avrò lo stesso una guida comoda ed efficace.
Cosa che aiuta molto in caso di più salite e discese, o di vari passaggi asfalto-sterrato-sentieri-asfalto.
In ogni caso, i vantaggi che impressionano di più sono i passaggi sulle radici o tratti sassosi in piano, dove fra gomme fat e forcella sembra di essere sul liscio e discesa tecnica, dove la forcella lavora con una morbidezza impressionante.
Ricordo comunque che il test è stato fatto su una fat full, e l'ammortizzatore della bucksaw rende veramente tutto più facile e morbido già di suo.
Ultimo commento: azzardo anche un paragone con la lefty, che è la miglior forcella per fat bike che finora avevo mai provato (estetica a parte). Forse quest'ultima rimane ancora la migliore, ma la mastodon le sta certamente con il fiato sul collo!
 

luca.sushi

Biker assatanatus
1/6/08
3,427
177
0
Ancona
Continua il test della forcella per fat bike Manitou mastodon 34 x 120, montata sulla mia Salsa Bucksaw (la salamandra).
Dopo la pausa lungo il Po, posso riprendere finalmente a scalare le mie montagne per provare questa nuova forcella. 2000 metri di dislivello sabato e quasi altrettanti questa mattina, su sentieri molto vari, e adesso sono finalmente arrivato a capire le tante regolazioni della forcella e a farla funzionare al meglio. E accidenti se funziona! Sabato ancora la sentivo un pò duretta, sempre più morbida della Bluto, ma non ancora soddisfacente. Ieri allora l'ho sgonfiata un pò, da 70 che doveva essere la pressione ideale per il mio peso (quasi 70 kg) , l'ho portata fra 60 e 65, giusto per non farla arrivare a fondo corsa.
Prima parte su salita asfaltata, forcella e ammo bloccati, gomme belle gonfie e salgo come al solito bene. Arrivo sulla forestale inghiaiata e un pò sconnessa, normalmente, con la fat, avrei dovuto sgonfiare di circa 0.2, cioè da 1.0 a 0.8, anche 0.7 per salire comodamente, invece apro la forcella e metto l'ammo sulla posizione intermedia (climb). Ecco che ottengo lo stesso risultato, sento e vedo infatti che la forcella lavora anche sulle piccolissime sconnessioni, laddove la Bluto rimaneva invece completamente ferma. Ottimo!
Naturalmente parlo solo di comodità e di morbidezza, per aumentare anche il grip dovrei in ogni caso sgonfiare le gomme, ma per adesso non mi serve perchè la pendenza non è tanta.
Alla fine della forestale, ecco quello che aspettavo, un sentiero in leggerissima salita pieno di radici trasversali di circa 3-5 cm di altezza.
Adesso sgonfio un pò le gomme, portandole circa a 0.7, ricordandomi che anche qui la Bluto lavorava molto poco. Ecco invece che con la mastodon passo via senza quasi sentire le radici, proprio perchè la forcella è molto sensibile anche ai piccoli urti.
Arrivo in cima, a quasi 2000 metri, qualche fiocco di neve, vento gelido, neve ghiacciata e rifugio chiuso!
Non ho il termomentro, ma siamo sicuramente sottozero, vabbè mi cambio al riparo dal vento, mangio qualcosa, sgonfio ancora un pò le gomme (Tengo la pressione un pò più alta del solito, a circa 0.6) e mi aspetta uno dei sentieri più belli dei dintorni di Merano, il 30a che scende dalla malga di Naturno, 1500 metri di dislivello con tratti scorrevoli e tratti tecnici e ripidissimi.
E subito, fin dal primo gradone di 40 cm, noto la differenza.
La Bluto, essendo molto lineare, assorbiva molto bene le asperità più grandi, ma ti ributtava su, all'inizio della corsa. La matodon invece è progressiva, assorbe le asperità e non la senti più indurirsi, rimane sempre in movimento, su e giù, su e giù, magnificamente aiutata dal'ammortizzatore della Bucksaw. Morbidezza ed efficacia unica, era dai tempi dalla fox 160 da 36 che non provavo più sensazioni simili. In più è rigida, perchè con gli steli da 34 non si sente più quell'effetto di spanciamento dato, ogni tanto, dalla Bluto. La sensazione è ridotta rispetto ad una mtb con le gomme strette, perchè con una fat già le gomme spanciano per conto loro, però si avverte lo stesso.
Insomma arrivo in fondo alla discesa veramente contento, gli indici sono al limite perchè la pendenza è tanta e i freni bisogna usarli molto, ma le braccia ringraziano la morbidezza di questa forcella!
Conclusioni: la differenza fra forcella lineare e progressiva si sente eccome, unita alla maggior corsa (120 invece di 100) e alla maggior rigidità (34 invece di 32 di stelo). La Manitou lavora proprio dove la bluto è ferma, alle basse velocità. Questo vuol dire che, mentre per far funzionare bene la Bluto , dovevo tenere sempre una pressione ideale alle gomme, e perciò lavorare di più di gonfia-sgonfia (e ancora non si aveva la perfezione), per far funzionare bene la Manitou posso tenerla anche ad una pressione leggermente maggiore dell'ideale e avrò lo stesso una guida comoda ed efficace.
Cosa che aiuta molto in caso di più salite e discese, o di vari passaggi asfalto-sterrato-sentieri-asfalto.
In ogni caso, i vantaggi che impressionano di più sono i passaggi sulle radici o tratti sassosi in piano, dove fra gomme fat e forcella sembra di essere sul liscio e discesa tecnica, dove la forcella lavora con una morbidezza impressionante.
Ricordo comunque che il test è stato fatto su una fat full, e l'ammortizzatore della bucksaw rende veramente tutto più facile e morbido già di suo.
Ultimo commento: azzardo anche un paragone con la lefty, che è la miglior forcella per fat bike che finora avevo mai provato (estetica a parte). Forse quest'ultima rimane ancora la migliore, ma la mastodon le sta certamente con il fiato sul collo!
Sarebbe molto interessante se riuscissi Maurizio a provare la bluto rct3. Io la RL però non l'ho mai usata quindi non mi riesce fare un paragone.
La rct3 ormai sono due mesi che la uso, a differenza della RL ha la regolazione delle basse velocità. La uso con due token (ero partito con tre) e sono di pressione inferiore rispetto a quello consigliato da rock shox, ma non posso lamentarmi perché alla fine il lavoro lo fa e neanche male (per me). Non faccio salti, ma nei gradoni e drop fin'ora mi sono trovato bene, onestamente non sento neanche la flessione degli steli essendo da 32... Ovvero se lo sento, trovo difficile da capire se proviene dalla gomma oppure dalla forcella!! In salita su sterrato uso quasi sempre la modalità "trail" e nonostante rimanga senza dubbio più legnosa se paragonata ad una Fox, non mi fa sentire così tanto le asperità che il terreno potrebbe presentare. Non sono uno "smanettone" dello sgonfia -gonfia... Quindi spesso la pressione la cambio diciamo tra asfalto e sterrato, o quando sento che le gomme fat non lavorano come dovrebbero... In tutti gli altri casi cerco una pressione "standard" che mi possa andare bene un po' per tutto.
Quindi appunto sarebbe molto interessante un paragone diretto Mastodon - bluto rct3.
Grazie
 
Last edited:

vmaxpower

Biker urlandum
8/14/12
544
23
0
valdobbiadene (TV)
Io ho la Bluto Rl, e anche una Pike Rc....
di Pike ho provato anche la Rtc3 e di differenze, se ci sono, non sono riuscito a coglierle, vanno ugualmente bene entrambe, forse c'è solo un'opportunità di regolazione in più, ma bisogna avere una buona sensibilità per regolarla e sfruttarla bene..... e se tanto mi da tanto! ;-)
La Bluto, pur facendo il suo sporco lavoro, in confronto alla Pike è pessima, e non mi riferisco alla rigidità, che girando con i gommoni a pressioni di 0.5 o anche meno, è marginale, ma proprio all'idraulica... è lenta, se affronti delle cunette in sequenza si inchioda, va bene solo andando piano, poi, se ti ci appoggi un po' sopra si impigrisce ancora.
Voglio provare a cambiare l'olio, ma dubito di avere dei miglioramenti....e dire che la Revelation, invece, sempre da 32 e con problemi di rigidità in un uso spinto, a livello idraulico funziona bene.

In ogni caso mi sa che sta Mastodon sia un bel prodotto, di altra categoria!
 
Last edited:

Tetsuo

Biker superioris
1/13/03
978
42
0
Somewhere over the rainbow
Sto montando una bucksaw e sono indeciso tra la Bluto e questa nuova Manitou. Ballano 200 euro (da aggiungere se voglio la seconda).
Un consiglio?

Dipende: se ti piace spingere in discesa e puoi permettertela senza grossi problem direi la seconda senza dubbio.
Se invece ti piace pedalare più "tranquillamente" la bluto fa il suo onesto lavoro con un occhio anche al peso.
 

alnina

Biker tremendus
6/12/06
1,155
29
0
Brescia
Sto montando una bucksaw e sono indeciso tra la Bluto e questa nuova Manitou. Ballano 200 euro (da aggiungere se voglio la seconda).
Un consiglio?

200 euro considerando il costo complessivo della Bucksaw non sono molto....al tuo posto andrei di Mastodon senza indugi, secondo me è un investimento che vale la pena di fare
 

il capo

Biker serius
12/28/12
107
3
0
Repubblica Salentina
Dipende: se ti piace spingere in discesa e puoi permettertela senza grossi problem direi la seconda senza dubbio.
Se invece ti piace pedalare più "tranquillamente" la bluto fa il suo onesto lavoro con un occhio anche al peso.
Grazie della risposta. Quanto pesa in più la Mastodon realmente?
Non ho capito se 150 o 400 gr in più
 

Ultimi itinerari e allenamenti

  • Ancora Torreano
    Sun, 02 Oct 2022 19:22:02 CEST
    [Routes] Italy - Friuli-Venezia Giulia, UD 21,69 km +975 mt Questo percorso, molto adatto co ...
  • RIF. BATTISTI - MONTE SPITZ
    Sun, 02 Oct 2022 18:28:23 CEST
    [Routes] Italy - Veneto 32,31 km +1 485 mt Un itinerario breve ma impegnativo ai piedi della ...
  • BIVACCO DEI LOFF
    Sun, 02 Oct 2022 18:26:01 CEST
    [Routes] Italy - Veneto 41,07 km +1 790 mt E' una versione modificata di questo vecchio itin ...
  • Colle Ranzola con discesa a Onderwoald
    Sun, 02 Oct 2022 18:21:11 CEST
    [Routes] Italy - Valle d'Aosta, AO 14,78 km +1 000 mt Classica gita della zona, fattibile in ...
  • VAL TRAVENANZES 2022
    Sun, 02 Oct 2022 18:20:36 CEST
    [Routes] Italy - Veneto 30,52 km +1 327 mt Sono passati 14 anni dall'ultima e unica volta ch ...