Da Le Grazie a Corniglia


  • Trova gli itinerari vicino a te con un click e navigali dal tuo Garmin o direttamente dal telefono con le mappe OpenStreetMaps!
    Scarica l'ultima versione dell'app Android (link) o iOS (link).

    Domande? Falle QUI.

giako68

Biker urlandum
1/9/06
521
0
0
55
Colognole - Livorno
Visit site
L'itinerario inizia a Le Grazie, che si raggiunge da La Spezia imboccando la provinciale per Portovenere. Dalla frazione si sale per uno stretto stradello asfaltato fino a raggiungere una terrazza panoramica (per abbreviare l'itinerario si può parcheggiare direttamente qui), dove si svolta a destra verso una forestale sterrata che aggira il Monte Castellare in moderata pendenza. Si superano le cave omonime abbandonate, poi si scende in un bel bosco di leccio mediante un single stupendo, con tornanti stretti e scalini, fino a sbucare su una strada che rapidamente conduce ad un sentiero che sale verso Campiglia. Da qui si segue bici a spalla il segnato 1 mediante una scalinata che poi diventa single. Solo in vetta si può risalire in sella e dirigersi rapidamente verso il Monte Telegrafo (ristoro). Dal piazzale si imbocca la forestale segnata 3b. Questa si percorre in falsopiano per molti km, con vedute sulla costa stupende, fino ad arrivare a Volastra, per poi scendere, mediante una stupenda e antica scalinata a Manarola (attenzione: dapprima é pedalabile, poi diventa pericolosa perchè gli scalini sono infossati!). Da Manarola s'imbocca il Sentiero Azzurro, che costeggia il mare con panorami mozzafiato (a mezza strada c'é una gentile signorina che chiede 5 Euro di biglietto e, se volete proseguire, dovete pagare, a meno che non andiate fuori stagione, cioé da fine Ottobre in poi), fino ad arrivare alle scalinate che salgono a Corniglia (e qui c'é da faticare, bici a spinta o a spalla, come preferite...). La visita al centro storico del paese é obbligatoria, poi si riparte in salita tosta su asfalto fino a raggiungere San Bartolomeo. Si prosegue in direzione La Spezia e dopo pochi metri si svolta a sinistra su uno stradello asfaltato che in breve diventa sentiero (segnato 7) molto ripido e tecnico, pedalabile con fatica. Lo si percorre fino ad incrociare il sentiero di crinale 1, che si imbocca verso destra. Si sale (con un tratto a spinta impegnativo) tra castagni stupendi, che in questo periodo perdono le foglie e colorano il bosco con sfumature bellissime. Raggiunta la sommità si scende velocemente mediante un single molto bello per arrivare di nuovo al Monte Telegrafo. Si percorre il tratto fino a Campiglia in senso inverso (qui i più bravi potranno divertirsi parecchio e magari provare a fare la scalinata, anche se in alcuni punti si stringe parecchio). In prossimità della chiesa si svolta a destra seguendo il sentiero 1, fino ad arrivare ad un antico mulino a vento perfettamente restaurato. Da qui inizia una discesa molto tecnica su sentiero roccioso ed in alcuni tratti esposto, che io ho percorso in gran parte a piedi, fino a ritrovare la strada per Le Grazie (il tratto é abbastanza lungo, con passaggi rocciosi da superare bici a spalla, ma si gode di un panorama eccezionale su Porto Venere e le sue bianche falesie, perchè il sentiero taglia la costa a picco sul mare, con dislivelli di centinaia di metri; se si vuole si può anche scegliere di seguire a ritroso il percorso di andata, ma si perde un'occasione che secondo me compensa pienamente la fatica da fare).
Il giro richiede la giornata intera. E' faticoso perchè alcuni tratti sono da fare a piedi e ci sono varie scalinate da superare. In compenso permette di visitare il territorio delle 5 Terre in molti dei suoi aspetti più interessanti (bosco, mare, paesi storici).
Consiglio una trail-bike leggera o xc, assolutamente non più pesante.
L'acqua si trova facilmente e le cibarie pure. Meglio andare da Ottobre in avanti perchè prima ci sono migliaia di turisti stranieri che letteralmente invadono i paesi della costa.
 

Attachments

  • 5Terre.zip
    51.1 KB · Views: 92

Classifica mensile dislivello positivo