Boiano - Civita Superiore - Eremo Sant'Egidio

L’itinerario penitenziale, come appunto viene chiamato, inizia da Boiano, e come ricorda anche la leggenda, nacque grazie ad un gruppo di giovani sanniti pentri che decisero di edificare la città alla fonte del fiume Biferno, proprio nel punto in cui si arrestò il cammino del bue sacro, infatti il nome Bovianum, dal latino, deriverebbe proprio da questo animale.
Attraversiamo per intero Corso Umberto I, percorrendo esattamente una parte del vecchio tratturo “Pescasseroli-Candela” fino ad arrivare ad una piazzetta in fondo alla strada dove vi è una colonna con una croce, antistante la strada che dovremmo prendere per recarci al paese vecchio, infatti da qui, facendo anche attenzione ai cartelli informativi, inizieremo a salire verso Civita di Boiano. La strada che porterà su al borgo antico, è molto stretta, quindi fate attenzione alle auto che salgono e scendono da qui! Saliamo per circa un chilometro, con una pendenza pari all’8-9 % quindi non dovrebbe essere molto faticoso, passiamo davanti alla piccola chiesetta di San Michele, che si trova alla nostra DX e continuiamo a salire, sentendo già nell’aria l’odore dei camini e il profumo di cucinato delle piccole trattorie che si apprestano a preparare il pranzo, per i turisti che saliranno in visita al borgo.
Già da basso iniziamo a vedere le mura difensive dell’abitato, infatti in tempi passati Civita era attestata in posizione strategica a difesa del tratturo che attraversava la piana sottostante l’abitato, mentre in epoca sannitica era la prima rocca difensiva, precedendo la rocca di monte Crocella, posta a 1040 metri, e la rocca posta in località “Tre Torrette” di Campochiaro. Questo ci viene confermato da appiano, storico latino, nel suo Bellum Civile, e in più ci viene illustrato anche lo straordinario metodo di comunicazione tra colle e colle, adoperato dagli abitanti del luogo, specchi, fuochi o segnali di fumo.
Arrivati nei pressi di Civita, troviamo una biforcazione stradale. La prima a DX porta al borgo medievale, mentre quella a SX porta su in montagna, verso l’eremo di Sant’Egidio (1075 m.)
A piacere è possibile visitare il castello normanno di Civita Superiore, anche se del maniero rimane solo la parte frontale e qualche pezzo delle mura laterali, ma ne vale la pena perché un meraviglioso panorama, che si estende dalle Mainarde alla piana di Sepino, si presenterà dinanzi ai vostri occhi!
Riscendendo dal borgo, ci dirigiamo verso la strada che porterà al rifugio in montagna.
D’ora in poi, la strada sarà unica, non ci saranno ne variazioni di percorso e ne altre stradine da prendere, infatti dal cartello posto al bivio di Civita, che indica la direzione da seguire, fin su in cima arrivati nei pressi del rifugio, la strada sarà sempre una, asfaltata o brecciata che sia.
Strada facendo troverete anche qualche cartello informativo del CAI (Club Alpino Italiano), sul tempo e sulla durata del percorso, quindi oltre a questo non dovrebbero esserci altri problemi!
Camminerete o pedalerete in assoluto stato meditativo e vi concentrerete mentre spingete sui vostri pedali scaricando lo stress quotidiano, affrontando la strada che sarà sempre in salita, ma tranquilli, verrete ripagati da tutto questo. La natura in questo posto è magnifica e si presenta in tutta la sua bellezza. Mandrie di cavalli e di buoi allo stato brado, mangiano in tutta tranquillità l’erba dei prati circostanti, o arrancati sulle alture rocciose dei monti attorno. Il monte Procella (1040 m.) vi terrà sempre compagnia con la sua chioma rocciosa e con la sua maestosità, mentre l’aria di montagna vi entrerà a pieno nei vostri polmoni, stufi degli scarichi delle auto e dell’aria rarefatta della città!
Dopo circa 4 km, arriviamo presso uno spiazzo dove vi è posta una croce di legno, mentre alla vostra SX, vi è un cancello, che a nostro parere, faccia da ingresso al mondo spirituale. L’eremo di Sant’Egidio è lontano da tutto e da tutti, solo chi ha bisogno di essere purificato dallo stress quotidiano, ci si reca.
L’ultimo tratto di strada, è molto stretto e molto ripido, fate molta attenzione se ci andate nel periodo autunnale infatti conviene portare la bici a mano, perché il sentiero è totalmente ricoperto da uno spesso strato di fogliame, quindi non si sa cosa vi si potrebbe celare al di sotto di esse, mentre in inverno, il sentiero è ricoperto di neve e starti di ghiaccio, quindi immaginate cosa potrebbe succedere, visto che alla vostra DX c’è un bel dirupo….
Dopo circa un’ora e mezza di camminata o dopo circa 40 minuti di pedalata, finalmente l’eremo fa la sua comparsa. Vederlo per la prima volta fa un certo effetto!
Se le vostre borracce sono a secco, state tranquilli perché nelle vicinanze del rifugio ci sono ben tre fontane, dove sgorga un’acqua, a dir poco, rigenerante!
 

Attachments

  • Immagine 097.jpg
    Immagine 097.jpg
    76 KB · Views: 18
  • Immagine 080.jpg
    Immagine 080.jpg
    77.9 KB · Views: 14
  • Immagine 061.jpg
    Immagine 061.jpg
    73.4 KB · Views: 11
  • Immagine 094.jpg
    Immagine 094.jpg
    79.2 KB · Views: 16
  • Immagine 103.jpg
    Immagine 103.jpg
    70.6 KB · Views: 13

CLAUDIO76

Biker extra
2/19/07
704
0
0
Campobasso
Visit site
Bike
Epic sworks ht
Spettacolo! Quando ci andiamo? tra l'altro un mio amico mi diceva che c'è un sentiero che da lì arriva sulla strada di Campitello Matese dalle parti della galleria. Da provare senz'altro:sbavon:
 
Si si è verissimo quello che ti ha detto il tuo amico. Praticamente porta in Località Pianelle nelle vicinanze di Campitello. Io non ho proseguito, mami sono informato un pò...... L'eremo è uno spettacolo, ci andremo non appena uscirà una bella giornata di sole, anche perché in bici, se hai letto, ci si metto poco più di mezz'ora quindi.....
 

Mtb_Fra

Biker ultra
12/16/07
676
2
0
Carpinone
Visit site
sono andato in campeggio in zona eremo.... nn è il massimo appunto per i campeggiatori come posto ma in bici credo proprio sia un vero spettacolo... quando si sale raga ?? :D
 

Classifica giornaliera dislivello positivo

Classifica mensile dislivello positivo