News [Video] Perché i bambini devono fare mountain bike


  • Trova gli itinerari vicino a te con un click e navigali dal tuo Garmin o direttamente dal telefono con le mappe OpenStreetMaps!
    Scarica l'ultima versione dell'app Android (link) o iOS (link).

    Domande? Falle QUI.

Staff

Redazione
12/17/10
3,726
888
0
Visit site
[Comunicato stampa] - La televisione, internet, i social media, i bambini passano veramente troppo tempo cavalcando l’onda digitale, a volte allontanandosi troppo da noi. Il miglior meccanismo per contrastare questo problema è farli uscire all’aria aperta, preferibilmente in sella a una mountain bike. La mountain bike significa libertà, avventura e...
Leggi tutto...
 

spugna73

Biker superis
11/29/11
435
203
0
Sant'Antioco
Visit site
Bike
Ktm Lycan 12 27,5 2017
Proprio in questi giorni ho regalato una mtb seria al mio nipotino di 7 anni, una 24 un po' grande per lui, ma è l'unica mtb seria che abbiamo trovato in catalogo col negoziane (causa incentivi le bici stanno sparendo dal mercato), dopo le prime cadute sta diventando bravo, è incredibile come impara in fretta dai propri sbagli. Quando non mi da ascolto, impara lo stesso. Ha preso un angolo a 90° di un piazzale un po' troppo veloce (pensavo si schiantasse) ed invece, magari è stato fortunato, ha chiuso la curva in contro sterzo con la ruota di dietro in sgommata, come dice lui, da figo! Credo che presto seguirò il consiglio che in un altro topic mi diede @marco e gli costruirò una mini rampa per i salti, ormai li scalini li fa in corsa, dopo 3 giorni di bici nuova.
P.S. Con la sua voglia di mtb ha fatto si che anche la sorella di 10 anni si scrostasse dal divano! Ma lei ha veramente troppa paura e sono a mala pena riuscito a farle fare le rampe di un mini skate park che abbiamo in paese!

Piccoli bikers crescono!
 

cesare RBO

Biker perfektus
7/8/08
2,872
2,305
0
cagliari
Visit site
La MTB è sicuramente uno strumento eccezionale con giovani e bambini, ho potuto constatarlo personalmente… qualche anno fa una mia amica che opera nel sociale si è trovata a dover buttar giù una serie di progetti rivolti ai ragazzini delle medie (erano progetti contro la dispersione scolastica con lo strumento del Auto Mutuo Aiuto AMA) e complice il fatto di averla fatta appassionare alla MTB già da diversi anni, avergli parlato e fatto vedere alcuni progetti in atto negli USA è riuscita (tra mille difficoltà e ritardi delle istituzioni) a portare avanti un progetto comprendente la MTB (dopo un corso di guida base e educazione stradale), la scoperta della natura (con naturalista entomologo al seguito durante le uscite), l’utilizzo di nuove tecnologie come il drone, la stampa 3D (il finanziamento, per ragioni tutte da discutere, passava attraverso un polo pubblico di ricerca tecnologica), la realizzazione di un video (fatto dai ragazzi con la collaborazione di un professionista del settore) e la parte di discussione ed elaborazione AMA (con educatore e psicologo). Vi era anche una parte di creatività artistica (ed educazione al riciclo) con parti raccattate in cantina e dai vari negozi di bici della zona (ruote, raggi, catene, pedivelle e corone, pignoni etc).
Tutte queste attività integrate organicamente (ed interconnesse) tra loro con un senso logico e precisi obiettivi.
Il progetto doveva durare poco meno dell’anno scolastico ma per i problemi (i soliti problemi) istituzionali prima accennati alla fine (per due anni di seguito) si è tenuto solo per tre mesi primaverili.
Un successo scandaloso, malgrado le succitate difficoltà… con risultati davvero strabilianti e commoventi… ed era rivolto a ragazzi che le istituzioni scolastiche consideravano come difficili o problematici e per un periodo (purtroppo) limitato, non oso immaginare se si potessero portare avanti in pianta stabile…
Operatori, ragazzi, scuole e genitori entusiasti… per due anni, poi quelle ripetute problematiche hanno reso la cosa ingestibile e frustrante e ciao a tutti… (le istituzioni non finanziano i progetti per conseguire obiettivi ma per incamerare e gestire fondi, quote di potere e per farci “il figurone” a spese altrui. Dal mio punto di vista aprire simili “finestre” sul mondo (e su se stessi) ai ragazzi per poi richiudergliele in faccia è un crimine, letteralmente un crimine.

Perché ve l’ho raccontato? Semplice, primo perché la MTB (la pratica, i progressi, la socializzazione e condivisione dell’esperienza, la scoperta della natura) si è (ancora una volta) rivelata un potentissimo strumento ed una pratica con benefici e ricadute positive che vanno molto (ma molto molto!) oltre le questioni “salutistiche” o prettamente “sportive”...
Secondo perché a fronte di quei brillanti risultati è emerso chiaramente ed inequivocabilmente come l’anello debole della catena fossero proprio gli adulti, i genitori in primis e poi gli insegnanti… carenze culturali (sensu latu) agghiaccianti e a pagarle sono proprio i bambini e i ragazzi.
Se stanno sul divano attaccati a qualche device, se sono “svogliati” o pigri la responsabilità è degli adulti, inequivocabilmente e senza appello… esattamente come se non leggono o se mangiano “di merda”… è l’abitudine, è la quotidianità, è l’esempio (pratico, concreto, reale, non a chiacchiere) che fa la differenza, non è che da un giorno all’altro gli si compra la bici (o quello che volete voi) e facciamo finta che anni ed anni di abitudini consolidate, radicate, evaporino di colpo (mediamente parlando, obviously).
Possiamo parlarne ma il dato di base è quello e conviene farci i conti.
 
  • Like
Reactions: spugna73

VinciTrail

Biker perfektus
5/29/18
2,752
3,104
0
38
Tesero
Visit site
Bike
Orbea OIZ M-Team
belle parole... ma mia figlia non ne vuole sapere perché si fa troppa fatica! (tutta suo padre...)
come faccio a convincerla?

la dicitura tra parentesi (tutta suo padre) non so se fosse ironico/scherzoso o corrisponda alla realtà!
In ogni caso credo che una buona parte della motivazione o chiamiamolo interesse che può avere un bambino derivi anche da quello che "vede fare" dai propri genitori!
io faccio molta attività sportiva (sopratutto legata al mondo della montagna.. tra cui anche la MTB con risultati soddisfacenti) e mio figlio, che fà i 6 anni adesso in estate, fin da piccolo si è "abituato" all'ambiente montano, al camminare e muoversi all'aria aperta ecc..
Risultato? adesso spesso è lui per primo che mi dice di andare a fare una passeggiata, una "corsetta leggera" nei boschi sopra casa o più semplicemente un giretto in mtb! Ovviamente si fà cose alla sua portata e dove non riesce cerco di spronarlo e se serve lo aiuto.. ma di base vedo che c'è già molta voglia di fare! Oltre ad avere un motore spaventoso.. :-)

PS: prima che partano subito dei commenti del tipo "ecco, il classico esempio di padre/genitore che mettono pressioni ai figli ecc.." preciso che, come ho scritto sopra, per noi (inteso io e mio figlio) è stata una cosa naturale e progressiva! Come detto, fin da molto piccolo lo portavo con me nello zaino e si faceva delle belle passeggiate/trekking in montagna, poi con la manina (accorciando le mete ovvio) ecc.. ecc.. non l'ho mai forzato a fare nulla! Se non quello di provarci e di non mollare alla prima difficoltà o stanchezza..
 

cesare RBO

Biker perfektus
7/8/08
2,872
2,305
0
cagliari
Visit site
la dicitura tra parentesi (tutta suo padre) non so se fosse ironico/scherzoso o corrisponda alla realtà!
In ogni caso credo che una buona parte della motivazione o chiamiamolo interesse che può avere un bambino derivi anche da quello che "vede fare" dai propri genitori!
io faccio molta attività sportiva (sopratutto legata al mondo della montagna.. tra cui anche la MTB con risultati soddisfacenti) e mio figlio, che fà i 6 anni adesso in estate, fin da piccolo si è "abituato" all'ambiente montano, al camminare e muoversi all'aria aperta ecc..
Risultato? adesso spesso è lui per primo che mi dice di andare a fare una passeggiata, una "corsetta leggera" nei boschi sopra casa o più semplicemente un giretto in mtb! Ovviamente si fà cose alla sua portata e dove non riesce cerco di spronarlo e se serve lo aiuto.. ma di base vedo che c'è già molta voglia di fare! Oltre ad avere un motore spaventoso.. :-)

PS: prima che partano subito dei commenti del tipo "ecco, il classico esempio di padre/genitore che mettono pressioni ai figli ecc.." preciso che, come ho scritto sopra, per noi (inteso io e mio figlio) è stata una cosa naturale e progressiva! Come detto, fin da molto piccolo lo portavo con me nello zaino e si faceva delle belle passeggiate/trekking in montagna, poi con la manina (accorciando le mete ovvio) ecc.. ecc.. non l'ho mai forzato a fare nulla! Se non quello di provarci e di non mollare alla prima difficoltà o stanchezza..
concordo pienamente... stessa cosa per me... non mi hanno mai fatto pressioni o spinto a fare nulla, semplicemente vivendo in un ambiente dove la pratica sportiva outdoor era usuale e quotidiana (i miei genitori come quasi tutti i loro amici) è stato assolutamente naturale conoscere e voler esplorare quel mondo. Alla fine ci ritrovavamo in 10-20 ragazzini di varie età con strumenti a disposizione (bici, canoe, surf e windsurf, vela, piscine, mare, montagna, campi da tennis, volley, basket, calcio, calcetto, speleologia, arrampicata, trekking, sci, sub, arco etc etc) e persone in grado di "seguirci" e consigliarci da un punto di vista tecnico... uno dei miei primi ricordi in assoluto è di me nello zaino per bambini dietro a mio padre che con mia madre ed altri amici scendiamo su sentierini impervi dalla scogliera alta per andare nelle calette a mare...
Lo stesso discorso sul leggere e sul concetto di cultura in senso ampio... se a casa non ci sono libri e nessuno legge (e discute di quello che legge) difficile che di propria sponte si decida di diventar letterati... possibile ma statisticamente improbabile...
 
  • Like
Reactions: cbet

MauroPS

Biker acciaccatus
1/29/17
6,516
4,952
0
57
Vicino Udine.
www.pistocco.com
Bike
Ragley Big AL
la dicitura tra parentesi (tutta suo padre) non so se fosse ironico/scherzoso o corrisponda alla realtà!
In ogni caso credo che una buona parte della motivazione o chiamiamolo interesse che può avere un bambino derivi anche da quello che "vede fare" dai propri genitori!
era tra lo scherzoso e la realtà! in effetti ho fatto sempre vita sedentaria, è da qualche anno che vado in mtb, precisamente dal 2017. forse questo ha influito su come mia figlia vede lo sport...
ora però mi sto allenando per le salite e sto lentamente recuperando.

ci sarà un modo per farle cambiare idea come l'ho cambiata io?
 

mago68

Biker extra
2/1/09
732
181
0
alle pendici di monte morello
Visit site
Bike
Stereo 150
Mah difficile trovare la ricetta giusta per tutti, in linea generale il contatto con la natura è auspicabile per tutti i bimbi, la pratica di attività all’aperto altrettanto. Gli sport poi sarebbero belli tutti perché ognuno insegna qualcosa e ci rende migliori. Avere un figlio che non sa nuotare oppure che sa nuotare solo in piscina ma che ha una paura insuperabile del mare della corrente o dei fondali scuri andrebbe superata portandoli fin da piccoli. Non dimentichiamoci dello sport di squadra, solo chi lo ha praticato sa cosa vuol dire. Ognuno cerca di fare il possibile compatibilmente al territorio dove vive e alle proprie possibilità. Vince chi sbaglia meno.
 

cesare RBO

Biker perfektus
7/8/08
2,872
2,305
0
cagliari
Visit site
era tra lo scherzoso e la realtà! in effetti ho fatto sempre vita sedentaria, è da qualche anno che vado in mtb, precisamente dal 2017. forse questo ha influito su come mia figlia vede lo sport...
ora però mi sto allenando per le salite e sto lentamente recuperando.

ci sarà un modo per farle cambiare idea come l'ho cambiata io?
deve semplicemente prima diventare una cosa allettante, figa, interessante... quindi devi parlarne in certi termini e con continuità. Poi diventerà una cosa normale, da tutti i giorni, "si beh, nulla di strano"... deve anche e soprattutto essere un modo di fare "altro" come stare col padre e fare cose assieme, vedere bei posti ed avere a che fare con la natura, magari cominciare a vederla e conoscerla sta natura... ma non vale solo per la MTB ma per un sacco di altre cose ed attività. Anche i programmi in tv hanno un peso non indifferente come i discorsi o discussioni che generano. Deve venirgli voglia di vederla sta natura, di viverla.
Per un giovane anche il fattore "socializzazione" ha un'importanza notevole, noi alla fine eravamo un branco di ragazzini e ste cose contano molto.
 
  • Like
Reactions: MauroPS

Classifica mensile dislivello positivo