Giro delle Pale di S. Martino

nonnocarb

Redazione
11/11/03
14,393
246
0
63
Merano
www.meranobike.it
Ore 6: il sole è appena sorto e parcheggio l’auto al passo Valles, a 2030 m di altitudine. Metto il casco e lo zaino e non salgo neanche sulla bici, oggi si inizia subito a camminare, bisogna salire fino ai 2200 m della forcella Venegia, un sentiero non eccessivamente ripido ma neanche pedalabile. Perciò bici in spalla e via alla scoperta di questo itinerario intorno alle Pale di S. Martino. Diciamo che il giro prevederebbe di scendere su asfalto fino a pian dei Casoni e poi risalire per malga Venegiota e baita Segantini, ma per fortuna enry mi ha consigliato questa variante che mi sembra molto più interessante, visto che è tutta su sentiero, ovverosia salire alla forcella Venegia e poi scendere verso la val Venegia su single track.
Mentre salgo con la bici in spalla mi volto e dall’alto vedo il passo di Valles rischiarato dal primo sole mattutino.

rosettapassovalles.jpg


In breve sono alla forcella a 2212 m e posso subito ammirare le splendide creste fino al cimon della Pala.

rosettaforcvenegia.jpg


Non fa freddo ma indosso la giacca antivento, visto che la discesa è tutta all’ombra. Seguo il sentiero non particolarmente tecnico ma divertente, alla fine c’è anche un piccolo tratto in salita, strano, che nella foga della discesa abbia perso una deviazione? Forse si, ma non c’è problema, in corrispondenza della traccia che sale verso passo Venegiota imbocco il sentiero che mi porta verso la val Venegia, si scende lungo il rio e poi nel bosco fino ad arrivare alla forestale che risale verso la baita Segantini. Comincio a salire senza neanche fermarmi, due click sulla forcella, uno sull’ammortizzatore e con il reggisella variabile è un attimo.
Dopo circa 300 m di dislivello su strada piuttosto comoda, arrivo alla baita Segantini proprio quando i primi raggi del sole cominciano a fare capolino da questa parte della valle

rosettasegantini.jpg


Adesso bisogna scendere fino al passo Rolle, e vista l’ora mattutina, posso permettermi di scendere lungo il bel sentiero, che è invece sconsigliato durante il giorno per la presenza di numerosi escursionisti che salgono verso la baita. Altro vantaggio di svegliarsi presto e infatti mi godo questo sentiero che si dimostra molto divertente. Al passo seguo l’asfalto fino al primo tornante e poi giù sul sentiero che taglia più volte la strada verso S. Martino di Castrozza. In effetti è più una carrareccia che un sentiero, ma è divertente ogni tanto guidare in velocità. Arrivo cosi in paese a 1400 m e mi avvio alla partenza degli impianti che mi porteranno fino ai 2600 m della Rosetta. Questo impianto l’avevo già preso l’anno scorso quando ho accompagnato il diretur e lo sceriffo nel reportage dell’impegnativa discesa dal sentiero 702

Discesa dalla Rosetta on Vimeo

Una cabinovia e poi una funivia e arrivo in cima. Prima di uscire dalla stazione a monte guardo verso il paese: S. Martino è li in basso, 1200 m più a valle, splendidamente incastonata fra le sue montagne.

rosettasmartino.jpg


Prendo la bici ed esco. Subito uno spettacolo affascinante si presenta ai miei occhi: l’altipiano delle pale di S. Martino, il rifugio Rosetta, le Crode e le Pale a fare da contorno, il tutto immerso in un magnifico cielo azzurro.

rosettacima.jpg


Non ce la faccio più, devo partire, devo andare a toccare con mano, anzi con le ruote della bici, tanta bellezza.

rosettamia_6.jpg


Un largo sentiero, quasi scavato nella roccia bianca, scende fino al rifugio Rosetta.

rosettamia1.jpg


Il sentiero 702, me lo ricordo ancora bene con i suoi infiniti tornanti e i suoi baratri, scende a destra,

sanmartino104.JPG


sanmartino085.JPG



io invece continuo diritto lungo il sentiero 756, che avanza in saliscendi lungo l’altipiano delle Pale.

rosettamia_8.jpg


Lo scenario è magnifico, ovunque ci si volti è un fiorire di guglie e cime di roccia chiara che contrasta con il blu del cielo.

rosettamia_4.jpg


Non so più cosa fare, da una parte ho voglia di pedalare senza mai fermarmi in questo splendore, dall’altra ho voglia di immortalare più immagini possibili.

rosettamia_3.jpg


Il sentiero continua in leggera discesa verso la fine dell’altipiano, a volte risale leggermente

rosettamia_2.jpg


ma è comunque quasi completamente pedalabile, anche se alcuni sassi smossi obbligano ad un certo impegno.

rosettamia_7.jpg


Adesso il sentiero diventa un po’ più ripido, ed è bellissimo avanzare sulla roccia quasi bianca.

rosettamia_5.jpg


Ecco il bivio, a destra si prosegue sul 761 verso col di Prà e la valle S. Lucano, mentre io proseguo a sinistra sempre sul 756, che diventa stretto e ripido,

rosettadiscesa1.jpg


mentre improvvisamente si apre la vista verso la valle di Gares che arriva poi fino a Canale d’Agordo.

rosettavalle.jpg


Comincia qui una lunga serie di tornanti, devo fare attenzione perché il sentiero adesso è tecnico e il fondo piuttosto smosso.

rosettadiscesa.jpg


Scendo abbastanza velocemente, il sentiero entra nel bosco e il fondo diventa più liscio. I tornanti si susseguono ancora numerosi e a tratti il sentiero è piuttosto ripido e tecnico con numerose radici sporgenti. Verso la fine della discesa un rumore metallico sempre più insistente comincia a provenire dal freno posteriore, controllo e vedo che le pastiglie dei freni hanno finito la loro (breve) vita. Per fortuna ne ho sempre dietro un paio di riserva e mentre le cambio ne approfitto per 5 minuti di meritata pausa, visto che la discesa è lunga e impegnativa. Riparto e sono subito a Gares, dove un turista stupito mi chiede da dove vengo. Gli spiego il giro e mi fa i complimenti e in effetti mi rendo conto che una persona che al massimo ha visto in televisione i ciclisti del Giro d’Italia, non possa mai pensare che un “matto” riesca a scendere dalla Rosetta con quella strana bici!:-|
Riparto lungo la valle, prendo prima la ciclabile sterrata lungo il torrente e poi la strada asfaltata e arrivo a Canale d’Agordo. Adesso mi tocca risalire fino a Falcade, per fortuna sinistra parte subito una bella ciclabile sterrata che, con alcuni tratti piuttosto ripidi, risale la valle e arriva fino a Falcade. Adesso bisogna ritornare agli oltre 2000 m. del passo Valles e ci sono due opzioni: o pedalare sulla strada asfaltata che arriva fino al passo, o prendere la seggiovia che porta verso il monte Pradazzo e poi pedalare solo gli ultimi 100 m. di dislivello.
La gamba è ancora buona, ma il tempo a mia disposizione comincia a scarseggiare visto che il pomeriggio sono impegnato e allora è naturale scegliere la seconda opzione (che giro di parole elegante per dire che non ho più voglia di pedalare :smile:). Prendo perciò la seggiovia e mi godo il panorama su Falcade e la valle che ho appena risalito.

rosettafalcade.jpg


Arrivato in cima, seguo la forestale che in leggera discesa mi porta fino alla strada asfaltata che porta al passo. Ancora 100 m. di dislivello e il giro si chiuderà. Con calma arrivo in cima, anche perché ormai sono partito da 5 ore e mezza e la stanchezza comincia ad affiorare. Arrivato al parcheggio sul passo mi rendo conto di come cambino le prospettive per chi parte all’alba: questa mattina presto la mia auto era l’unica posteggiata nel silenzioso piazzale:medita: e ora faccio fatica a trovarla nel mare di lamiere multicolori circondate da turisti vocianti.:discuss:

L'itinerario

http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/3005
 

Lasco

Biker ultra
8/23/06
683
7
0
Laus nova
Bike
Exceed SLX 8.9 pro race 17, Stumpy HT Expert 09
Che posti, fantastici! Grazie Carb, come al solito report da sogno.
Certo che ne hai di materiale nell'"armadio". Credo avremo un inverno ricco di report.
 
  • Like
Reactions: Marco il Pazzo

Pes de Lac

Biker urlandum
5/5/10
587
0
0
Como
Inutile, di posti e paesaggi splendidi su cui lasciar correre le nostre ruote ce ne sono migliaia, ma quando scopri le Dolomiti ti accorgi di che Immenso tesoro disponiamo.
Paradisi naturali.
 
  • Like
Reactions: nonnocarb

manuel73

Biker superis
5/16/08
353
4
0
Vertova- Bergamo
Bike
Genius LT700 TUNED
......:OOO: Grande NonnoCarb...... che panorami incredibili..... e complimenti per la Gamba...... :il-saggi: cambia Nik e mettici MiticoCarb.. dopo i bei giri con reportage fotografico "Nonno" non dà giustizia al tuo nome.......ciao-ciao.
 

eispippo

Biker popularis
5/17/07
67
0
0
Belluno
Grandissimo nonno......io ho fatto lo stesso giro a luglio,partendo da Canale.....vista la scarsa presenza di neve deduco che siano foto di quest'estate......o quando passi tu..si scioglie:smile:
 

Dr. Jekyll

Biker serius
9/28/09
183
43
0
40
Belluno
Bike
Scott Spark 960 2022
Asciugo le bave dal tavolo. E pianifico per il prossimo anno.
C'è una puntina di dolore e una grande speranza in ogni report.
Stefano
 

hemos

Biker novus
4/27/10
34
0
0
Bologna-Braies
posti fantastici, report meraviglioso. Ma come fate a scendere in quella maniera, ci sono dei punti che sono difficile anche a piedi!!!!
 

giobiker

Biker superis
12/17/02
442
12
0
BdG
Bike
Mde
...Fatto partendo da San Martino, ma la prox volta penso lo rifarò partendo dalla Val Gares e pedalando verso il Valles con calma e poi verso la val Veneggia, la forcella Venegiotta mi ha stroncato la schiena e quindi penso che la salterò la prox volta...sarebbe bellissimo arrivare a San Martino dai laghetti di Colbricon, ma siamo in pieno Paneveggio e l'ultima volta abbiamo trovato il Cai Day, prendendo un sacco di parole da tutti i pedoni malgrado la nostra assoluta flemma e gentilezza (...giustamente x carità, il regolamento del Parco -abbiamo riscontrato a malicuore-parla chiaro)...peccato perché fino ai laghetti la mulattiera è larga e spazio ce n'è per tutti, mentre la discesa dopo i laghetti verso M.ga Ces è veramente divertente...
...infine prendendo il giro da Gares, si arriva stanchi ma appagati dalla discesa, mentre la volta precedente arrivati a Gares eravamo neanche a metà delle "fatiche"...
...mi permetto di segnalare che la discesa dal Rosetta non è per tutti, non tanto per le difficoltà tecniche, quanto invece per alcuni tratti veramente molto esposti anche se larghi (non è il 702 insomma), per la pietraia iniziale molto sconnessa che richiede una discreta velocità di "galleggiamento" e conseguentemente buona attenzione agli "scarti" del manubrio (...incrinata una costola, e non sono propriamente un principiante in discesa...è pur vero che mattina presto partire in discesa un po' di rinko... c'è ), infine la discesa vs. Val Gares presenta gradini anche su tornanti stretti non banali, soprattutto con l'umido...ovviamente tutto si risolve facendo come qualche nostro compagno di venture, cioè usando i piedi invece che i copertoni...Buon divertimento la prox estate!...

PS: Carb hai visto la traccia che va vs. l'Orrido e le cascate?...partendo da Gares ne ho fatto un pezzo a piedi, dove ho riscontrato alcuni passaggi non fattibili in bici...più su però non so, come non ho capito se esiste un "taglio" che porta verso il sentiero "normale" fatto da te e da noi...
 
  • Like
Reactions: nonnocarb

nonnocarb

Redazione
11/11/03
14,393
246
0
63
Merano
www.meranobike.it
PS: Carb hai visto la traccia che va vs. l'Orrido e le cascate?...partendo da Gares ne ho fatto un pezzo a piedi, dove ho riscontrato alcuni passaggi non fattibili in bici...più su però non so, come non ho capito se esiste un "taglio" che porta verso il sentiero "normale" fatto da te e da noi...
Io non ho visto niente, mi sa che l'unica sarebbe prendere il 704 direttamente dal rosetta, ma non la vedo bene o-o
 

STIBO

Biker urlandum
10/16/10
503
0
0
Feltre e Fiorano Modenese
Che dire Nonno, sono a un'oretta di strada da questo giro e, come al solito, il report ha fatto aumentare la voglia di fare farlo!!!! L'avevo in previsione la prox primavera, tarda primavera visto che la neve lassù ci mette un pò ad andarsene.... Grazie, semplicemente emozionante
 

Ultimi itinerari e allenamenti