Chi va in MTB è un vero ciclista?

arthur.dent

Biker novus
26/2/19
17
5
0
48
Matelica
Bike
Specialized Hard Rock 1987?
Buongiorno,
pubblico questo post con l’intento di sensibilizzare una mentalità più attenta alla sicurezza dei ciclisti su strada. Immagino che lo leggeranno solo persone attente e rispettose che si sentiranno offese e che mi ricorderanno che sono buoni autisti. Ecco, questo post non è dedicato a loro, ma a chi non si è mai posto il problema. Mi scuso se offenderò la sensibilità di qualcuno.

Tanti ciclisti usano la bici da strada e la MTB (o la XC, la gravel, l’ebike ecc…), altri ne prediligono una sola e difendono la loro scelta sminuendo la scelta differente.

Conosco alcuni stradisti che non amano l’mtb e soprattutto non considerano “veri” ciclisti quelli che vanno su mtb. La cosa m’ha fatto sempre un po’ ridere, anche perché uso tutte le bici che posso.

Ieri però m’è balenato il dubbio che abbiano ragione.

Stavo andando in bici con un amico verso l’Esatrail (un circuito MTB nelle Marche) passando per l’unica strada statale stretta e pericolosa. Ad un certo punto siamo stati sfiorati da una colonna d’auto con bici con in bell’evidenza sul tetto o sul carrellino.

Il codice della strada prevede il famoso metro e mezzo di distanza che nessuno rispetta, ma almeno chi è ciclista dovrebbe essere sensibile al problema dei troppi ciclisti morti su strada.

O forse è vero che chi va solo in MTB non è un vero ciclista ed una volta in auto dimentica che sui pedali si è deboli.

Cordiali saluti a tutti.
 

 

avalonice

Biker velocissimus
2/4/09
2.395
1.153
0
Lecco
Sulle strade se ne vedono di tutti i colori, il motivo per chi apprezzo la MTB è anche stare lontano dalle strade e dagli idioti, quindi non posso che citare il prof. C.Cipolla che definisce come :
" Stupido: chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita"
Infatti passare a pochi cm di distanza da un ciclista crea un danno al ciclista senza un reale vantaggio all'automobilista che casualmente può essere anche un ciclista impegnato altrimenti ma sempre cretino resta.
p.s.
allo stato attuale il codice della strada non prevede una distanza minima per il sorpasso di un ciclista anche se ci sono state proposte di modifica in tal senso, ovviamente il codice obbliga ad una guida prudente, il sorpasso a una distanza non congrua può essere fatto rientrare nei comportamenti pericolosi e quindi sanzionabili.
 

arthur.dent

Biker novus
26/2/19
17
5
0
48
Matelica
Bike
Specialized Hard Rock 1987?
Buongiorno Avalonice,
grazie per la correzione sul codice della strada.
Il fatto che non vi sia una legge che regoli il sorpasso sui ciclisti fa riflettere: da un lato si fa il bonus bici per stimolare l'uso della bici in città e ridurre il traffico urbano, dall'altro non si fa nulla perché diminuiscano le vittime della strada tra i ciclisti.
Ad ogni modo, come ciclista mi sento l'obbligo di promuovere comportamenti consoni alla sicurezza stradale.
Auguro a tutti di godersi al massimo le uscite in bici.
 
  • Mi piace
Reactions: mariano54

Tc70

Entomobiker
20/4/11
21.211
7.454
0
51
Provincia di Bs
Bike
Picola ma carattarastica...
Però il Cds credo preveda che se il carico è sporgente tot misura dai lati dell autovettura e senza il cartello apposito, non in plastica, ma in alluminio, si è passibili di contravvenzione...intanto si inizi a contener le misure che potrebbe esser pericoloso far sorpassi e peli ai ciclisti di turno sulla strada...
Poi sul discorso che uno che fa mtb non sia un vero ciclista, non è nemmeno da spenderci una parola...
 

Old Blueyes

Biker novus
17/6/20
11
2
0
49
Vergate sul minchio
Bike
Rockrider
Preferisco fare un volo su un fosso mentre vado per campi piuttosto che essere tirato sotto per strada, almeno (anche se preferisco evitare) me la son cercata da solo.
Purtroppo gli avvicinamenti alle zone in cui vado fuori dalle zone asfaltate li faccio in MTB, tranne quando vado verso i monti; giusto domenica mattina mi ero già visto tipo alce sul cofano di un SUV :-(

Per il resto, ritengo che se sei sopra due ruote tenute assieme con un telaio una catena e dei pedali sei un ciclista. Punto.
 
  • Mi piace
Reactions: mariano54

Etien

Biker ultra
14/4/08
623
374
0
Roma
Bike
Trek Remedy 9.7
In realtà gli "autociclisti" che ti hanno sorpassato senza rispettare una certa distanza di sicurezza erano di semplici, comunissimi testicoli.. senza andare troppo per il sottile non è una questione di essere ciclisti o meno, ma soltanto di intelligenza e senso civico, doti di cui i suddetti testicoli difettano.
 

valerio_vanni

Biker perfektus
5/12/14
2.879
457
0
Però il Cds credo preveda che se il carico è sporgente tot misura dai lati dell autovettura e senza il cartello apposito, non in plastica, ma in alluminio, si è passibili di contravvenzione...

Lateralmente, bisogna stare entro 30 cm dalle luci di posizione. E l'oggetto dev'essere ben visibile.
La segnalazione col pannello riguarda la sporgenza posteriore.

Ma mi sembra che non c'entri col caso in questione.
 

Tc70

Entomobiker
20/4/11
21.211
7.454
0
51
Provincia di Bs
Bike
Picola ma carattarastica...
Lateralmente, bisogna stare entro 30 cm dalle luci di posizione. E l'oggetto dev'essere ben visibile.
La segnalazione col pannello riguarda la sporgenza posteriore.

Ma mi sembra che non c'entri col caso in questione.

Secondo me un pochino c'entra ;-)

''Stavo andando in bici con un amico verso l’Esatrail (un circuito MTB nelle Marche) passando per l’unica strada statale stretta e pericolosa. Ad un certo punto siamo stati sfiorati da una colonna d’auto con bici con in bell’evidenza sul tetto o sul carrellino.''

Se per carrellino si intende non solo quello con le ruote, ma anche quello sporgente da dietro il portellone a slitta...
 

giosimario

Biker serius
4/7/19
243
81
0
46
Frosinone
Bike
RR8.1
Buongiorno Avalonice,
grazie per la correzione sul codice della strada.
Il fatto che non vi sia una legge che regoli il sorpasso sui ciclisti fa riflettere: da un lato si fa il bonus bici per stimolare l'uso della bici in città e ridurre il traffico urbano, dall'altro non si fa nulla perché diminuiscano le vittime della strada tra i ciclisti.
Ad ogni modo, come ciclista mi sento l'obbligo di promuovere comportamenti consoni alla sicurezza stradale.
Auguro a tutti di godersi al massimo le uscite in bici.
veniamo da decenni in cui l'automobile e la fiat avevano lo strapotere su tutto... immaginare di cambiare mentalità da un giorno all'altro è utopistico.
Per il resto, io cerco di evitare l'asfalto e di andare su strade pochissimo trafficate. Non mi fido delle persone, devo essere io il primo a mettermi al sicuro.
 

Gianz

Biker velocissimus
28/6/07
2.584
2
1.897
0
Valdagno (VI)
Bike
Gas29 Stambek + GT Grade Carbon
Stavo andando in bici con un amico verso l’Esatrail (un circuito MTB nelle Marche) passando per l’unica strada statale stretta e pericolosa. Ad un certo punto siamo stati sfiorati da una colonna d’auto con bici con in bell’evidenza sul tetto o sul carrellino.

Il codice della strada prevede il famoso metro e mezzo di distanza che nessuno rispetta, ma almeno chi è ciclista dovrebbe essere sensibile al problema dei troppi ciclisti morti su strada.

O forse è vero che chi va solo in MTB non è un vero ciclista ed una volta in auto dimentica che sui pedali si è deboli.

Direi che questa è una condizione che "colpisce" più o meno tutti, in modo indiscriminato: se sei un criminale lo sei anche quando sei in bici, a piedi o in auto. Non è che appartenere ad una categoria faccia di qualcuno una persona migliore... in tutta probabilità si comporterà coerentemente con il suo modo di essere indipendentemente dal mezzo di trasporto usato.

E' una questione di mentalità, e poco ha a che fare se stia usando una MTB o una BDC.
 
  • Mi piace
Reactions: sembola

kokos

Biker carsicus
6/5/05
343
161
0
TRIESTE
Bike
trek superfly front/full, canyon neuron, cube ams pro
Chi è senza peccato scagli la prima pietra: e con gli stradisti che amabilmente conversano appaiati occupando mezza carreggiata come la mettiamo ? Da un caso particolare come quello da te descritto non trarrei una legge generale, ecco. Ci son quelli che sanno di vivere in un mondo dove non si è soli e agiscono di conseguenza e quelli che no, tutto qua. Questo a prescindere dal mezzo che si pedala.
 

sembola

Moderatur cartesiano
Membro dello Staff
Moderatur
27/2/03
48.529
5.481
0
54
Siena
www.sembola.it
Bike
una nera e l'altra pure
...Il fatto che non vi sia una legge che regoli il sorpasso sui ciclisti fa riflettere...
Art.148 del Codice della Strada:
...
3. Il conducente che sorpassa un veicolo o altro utente della strada che lo precede sulla stessa corsia, dopo aver fatto l'apposita segnalazione, deve portarsi sulla sinistra dello stesso, superarlo rapidamente tenendosi da questo ad una adeguata distanza laterale e riportarsi a destra appena possibile, senza creare pericolo o intralcio.

4. L'utente che viene sorpassato deve agevolare la manovra e non accelerare. Nelle strade ad una corsia per senso di marcia, lo stesso utente deve tenersi il più vicino possibile al margine destro della carreggiata.

5. Quando la larghezza, il profilo o lo stato della carreggiata, tenuto anche conto della densità della circolazione in senso contrario, non consentono di sorpassare facilmente e senza pericolo un veicolo lento, ingombrante o obbligato a rispettare un limite di velocità, il conducente di quest'ultimo veicolo deve rallentare e, se necessario, mettersi da parte appena possibile, per lasciar passare i veicoli che seguono.
 
  • Mi piace
Reactions: andy_g and frenco

ant

Biker superioris
4/6/04
989
1.253
0
Tra i due laghi e il Moncuni
Bike
Santa Cruz HT "Orangina" - KTM Scarp prestige "scarpetta"
faccio una considerazione generale, causa buona frequentazione dell'europa sopra le Alpi (in bici come in auto) e dei tentativi più o meno maldestri che ho visto qui da noi per cambiare mentalità e favorire le due ruote. (sono della zona di Torino e qualcuno avrà letto di trovate più o meno sensate che si sono introdotte in città da noi).

Il punto cruciale è "la velocità in auto". punto. (e lo dico da automobilista a cui piace guidare e che guida un mezzo con parecchi cavalli).

Nei luoghi in cui la cultura ciclistica è radicata (e non c'entrano le salite, guardate la svizzera p.e.) le auto sono sì tante, ma vanno piano. Soprattutto nei centri urbani o nelle statali fra i centri. Si corre solo in autostrada, fuori dall'autostrada si entra nella modalità pensionato, 40 km/h. Infatti non è raro in questi posti rimanere imbottigliati (traversatevi alcune città tedesche o svizzere in auto, ci mettete dei giorni...) ma nessuno si lamenta. E' la velocità standard per tutti e va bene così.

E' chiaro che in un contesto di questo tipo basta persino una striscia di vernice per delimitare i flussi, le auto a malapena mettono la seconda.

Proprio quest'estate riflettevo su questo fatto quando - su una ciclabile in Austria - ho traversato una specie di svincolo autostradale (baffi di ingresso e uscita, semafori, corsie canalizzate su una strada a grande scorrimento ecc.).
Qui da noi passare in bdc in una situazione del genere equivale a fare gli scongiuri, lì il traffico era a 20 km/h quindi anche due striscie di vernice in mezzo allo svincolo erano sufficienti a delimitare i flussi e a far stare tutti tranquilli.

Come dire: segnaletica, distanze ecc. tutto ok, ma se non passa la cultura di andare piano ovunque tranne che in autostrada non ne usciamo.
e non credo che mtb o bdc cambi qualcosa.
 

Zac36100

Biker superis
30/9/11
404
125
0
Vicenza
Bike
HongFu 056 - XX1
diciamo che MTB e bici da strada sono una spanna sopra le e-bike e le gravel.

Le une perchè "sono una presa in giro", le altre perchè non sanno cosa sono
Con questo non voglio denigrare le ebike che invece hanno avuto il meritevole ruolo di far fare attività fisica a molti che in alternativa sarebbero stati seduti sul divano. Inoltre, hanno fatto girare un pò di soldi e i muscolose ne hanno tratto conseguente vantaggio.

Sabato in ciclabile mi sono messo a ridere: specialized sworks gravel allestita bike packing con borse vuote e ciclista vestito con casco e pantaloni da freeride e canottiera.:razz:
 

BlastStiff

Biker serius
18/6/16
234
76
0
Bike
Radon Skeen Trail CF 9.0
Art.148 del Codice della Strada:
...
3. Il conducente che sorpassa un veicolo o altro utente della strada che lo precede sulla stessa corsia, dopo aver fatto l'apposita segnalazione, deve portarsi sulla sinistra dello stesso, superarlo rapidamente tenendosi da questo ad una adeguata distanza laterale e riportarsi a destra appena possibile, senza creare pericolo o intralcio.

4. L'utente che viene sorpassato deve agevolare la manovra e non accelerare. Nelle strade ad una corsia per senso di marcia, lo stesso utente deve tenersi il più vicino possibile al margine destro della carreggiata.

5. Quando la larghezza, il profilo o lo stato della carreggiata, tenuto anche conto della densità della circolazione in senso contrario, non consentono di sorpassare facilmente e senza pericolo un veicolo lento, ingombrante o obbligato a rispettare un limite di velocità, il conducente di quest'ultimo veicolo deve rallentare e, se necessario, mettersi da parte appena possibile, per lasciar passare i veicoli che seguono.

ehm... quanti ciclisti (stradisti o terraioli che dir si voglia) conoscete che rispettano i commi 4. e 5. soprattutto quando viaggiano in gruppo?

Due domeniche fa mi è capitato di comportarmi come gli automobilisti del post iniziale: gruppone di ciclisti, su strada di collina, non molto larga, che procedevano in gruppo, affiancati due a due, a volte in 3 (contravvenendo anche alle disposizioni covid).
Eppure sono uno che rispetta molto le due ruote (ex motociclista anche pistaiolo e ora in mtb): sto distante dalle bici, lascio spazio alle moto che vogliono sorpassarmi.
 

sembola

Moderatur cartesiano
Membro dello Staff
Moderatur
27/2/03
48.529
5.481
0
54
Siena
www.sembola.it
Bike
una nera e l'altra pure
ehm... quanti ciclisti (stradisti o terraioli che dir si voglia) conoscete che rispettano i commi 4. e 5. soprattutto quando viaggiano in gruppo?

Appunto. Esistono diritti e doveri, i primi senza i secondi è impossibile.

Piccola precisazione sulle norme anticovid, a viaggiare affiancati si sta perlomeno ad un metro di distanza, ma va anche detto che la dinamica fa sì che la posizione meno sicura sia a ruota, non a lato.
 
  • Mi piace
Reactions: Nekro

ANDREAMASE

Biker meravigliosus
9/10/03
15.843
5.441
0
54
vicenza
Bike
una da strada e una no!
Sabato in ciclabile mi sono messo a ridere: specialized sworks gravel allestita bike packing con borse vuote e ciclista vestito con casco e pantaloni da freeride e canottiera.
Lo conoscevi?
No perché, ad esempio un mio amico con la sua biciclettina (non è una sworks, ma il discorso non cambia...) ci va a lavorare, ma ci fa anche le ultramaraton da 3/400km, magari lo vedi nel tragitto casa bottega, con il casco e i baggy e ti metti a ridere...
;-)

Occhio a giudicare dalle apparenze...
 

Allegati

  • Screenshot_20200907-184151.png
    Screenshot_20200907-184151.png
    1,3 MB · Visite: 90